Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32535 del 14/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 14/12/2018, (ud. 04/07/2018, dep. 14/12/2018), n.32535

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – rel.Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3526-2018 proposto da:

SOPIN SRL, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA ADRIANA 8,

presso lo studio dell’avvocato BIASIOTTI MOGLIAZZA GIOVANNI

FRANCESCO, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GAMBARDELLA DANIELA;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE INPS, rappresentato e difeso dagli avvocati DE RUVO GAETANO

e ANZIANO DANIELA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 27354/2016 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 29/12/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/07/2018 dal Consigliere Dott. SCARPA ANTONIO, ed all’esito della

riconvocazione del collegio nella camera di consiglio del

06/12/2018.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Sopin s.r.l. ha proposto ricorso articolato in unico motivo per la revocazione della sentenza della Corte di cassazione n. 27354/2016, depositata il 23 dicembre 2016. L’intimato Istituto Nazionale Previdenza Sociale resiste con controricorso. Su proposta del relatore, ai sensi dell’art. 391-bis c.p.c., comma 4, e art. 380-bis c.p.c., commi 1 e 2, che ravvisava l’inammissibilità del ricorso, il presidente fissava con decreto l’adunanza della Corte in data 4 luglio 2018, perchè la controversia venisse trattata in camera di consiglio nell’osservanza delle citate disposizioni.

La ricorrente ha presentato memoria ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., comma 2.

Non risulta notificato il decreto di fissazione dell’adunanza ex art. 380 bis c.p.c. agli avvocati DE RUVO GAETANO e ANZIANO DANIELA, difensori del controricorrente INPS, e perciò la causa va rinviata a nuovo ruolo.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della 6 – 2 Sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 6 dicembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA