Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3249 del 12/02/2010

Cassazione civile sez. trib., 12/02/2010, (ud. 12/01/2010, dep. 12/02/2010), n.3249

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

IMMOBILIARE TURMA s.a.s., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via Panama n. 58, presso

l’avv. Medugno Luigi, che la rappresenta e difende unitamente

all’avv. Giovanni Bonomo, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 23/22/04, depositata il 30 giugno 2004;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12 gennaio 2010 dal Relatore Cons. Dott. VIRGILIO Biagio;

udito l’avv. Annalisa Lauteri (per delega) per la controricorrente;

lette le conclusioni scritte del P.M., in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. CALIENDO Giacomo, il quale ha concluso per

l’accoglimento del ricorso per manifesta fondatezza.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che l’Agenzia delle entrate propone ricorso per Cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Lombardia indicata in epigrafe, con la quale, rigettando l’appello dell’Ufficio, e’ stata confermata l’illegittimita’ di cinque avvisi di mora emessi nei confronti della Immobiliare Turma s.a.s. per IVA relativa agli anni 1990, 1991, 1993, 1994 e 1995;

che, a seguito di ordinanza di questa Corte resa all’esito dell’adunanza in Camera di consiglio del 6 aprile 2009, la ricorrente ha provveduto, nel termine assegnato, alla rinnovazione della notificazione del ricorso alla societa’ contribuente;

che quest’ultima resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che l’eccezione di inammissibilita’ del ricorso per tardivita’, sollevata dalla controricorrente, va disattesa, poiche’, come gia’ detto sopra, la ricorrente ha provveduto al rinnovo della notificazione (originariamente affetta da nullita’) nel termine assegnato;

che il ricorso deve ritenersi manifestamente fondato sotto l’assorbente profilo dell’assoluta insufficienza della motivazione, in quanto quest’ultima si riduce ad una affermazione – “esaminati gli atti, la Commissione ritiene corretta l’interpretazione data dai primi giudici, in base al D.P.R. n. 633, art. 58 e alla circolare 256/E/3^/6/1163 del Ministero delle finanze, Dipartimento Entrate la’ dove e’ stata sancita la decadenza quinquennale per l’applicazione di soprattasse” – che si rivela evidentemente inidonea, anche per la sostanziale mancanza della esposizione dei fatti di causa, ad esprimere l’iter logico della decisione;

che, pertanto, il ricorso va accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata e la causa rinviata, per nuovo esame, ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Lombardia, la quale provvedera’ in ordine alle spese anche del presente giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

LA CORTE Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Lombardia.

Cosi’ deciso in Roma, il 12 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA