Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32458 del 08/11/2021

Cassazione civile sez. VI, 08/11/2021, (ud. 24/06/2021, dep. 08/11/2021), n.32458

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29227-2020 proposto da:

D.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CRISTOFORO

COLOMBO 436, presso lo studio dell’Avvocato BIANCA MARIA CARUSO,

rappresentato e difeso dall’avvocato ANTONIA D’ALESSANDRO;

– ricorrente –

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente e ricorrente incidentale-

avverso il decreto n. 3555/2020 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositato il 13/10/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 24/06/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE

GRASSO.

 

Fatto

RITENUTO

che:

la vicenda, per quel che qui rileva, deve essere riassunta nei termini seguenti:

D.G. adì la Corte d’appello di Bari onde vedersi riconosciuta l’equa riparazione per la non ragionevole durata di un processo civile; il Consigliere delegato della predetta Corte, accolta la domanda, liquidò al chiesto titolo la somma di Euro 900,00, oltre al rimborso delle spese, determinato in complessive Euro 225,00; il Collegio, in accoglimento dell’opposizione avanzata dal D., revocato il decreto monitorio, condannò il Ministero della Giustizia al pagamento della somma di Euro 1.260,00, nonché al rimborso delle spese legali, rapportate all’implemento riconosciuto di Euro 360,00;

ritenuto che avverso quest’ultima statuizione il D. propone ricorso sulla base di unitaria censura e che l’Amministrazione è rimasta intimata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

la doglianza, con la quale il ricorrente denunzia violazione degli artt. 91 e 92 c.p.c., per essere stato violato il principio della soccombenza, risulta manifestamente fondato, valendo quanto segue:

– la Corte locale revocando in toto il decreto monitorio, posto all’epilogo della prima fase, ne ha, di conseguenza, eliminato anche la statuizione sulle spese ed essendosi limitata, all’esito della fase dell’opposizione, a riconoscere le sole spese riferite all’implemento di Euro 360,00, ha ingiustamente precluso alla parte vittoriosa il riconoscimento del rimborso dell’integralità di esse, il quale andava quantificato in ragione dell’intero indennizzo riconosciuto;

– questa Corte ha avuto modo di precisare che l’opposizione di cui alla L. n. 89 del 2001, art. 5-ter, non introduce un autonomo giudizio di impugnazione del decreto che ha deciso sulla domanda, ma realizza una fase a contraddittorio pieno di un unico procedimento, avente ad oggetto la medesima pretesa fatta valere con il ricorso introduttivo; sennonché, ove detta opposizione sia proposta dalla parte privata rimasta insoddisfatta dall’esito della fase monitoria e, dunque, abbia carattere pretensivo, le spese di giudizio vanno liquidate in base al criterio della soccombenza, a misura dell’intera vicenda processuale, solo in caso di suo accoglimento, mentre, ove essa venga rigettata, fatta salva l’ipotesi di opposizione incidentale da parte dell’amministrazione, le spese vanno regolate in maniera del tutto autonoma e poste, pertanto, anche a carico integrale della parte privata opponente, ancorché essa abbia diritto a ripetere quelle liquidate nel decreto, in quanto il Ministero opposto, avendo prestato acquiescenza al decreto medesimo, affronta un giudizio che non aveva interesse a provocare e del quale, se vittorioso, non può sopportare le spese (Sez. 6, n. 26851, 22/12/2016, Rv. 641924; conf., Cass. n. 9728 del 2020);

– ciò posto la decisione deve essere cassata con rinvio perché il Giudice del rinvio provveda a nuova regolamentazione delle spese, nel rispetto del seguente principio di diritto: “in materia di equa riparazione, ove la corte d’appello in composizione collegiale revochi il decreto monocratico, riconoscendo alla parte privata opponente un equo compenso maggiore, le spese legali da porsi a carico della pubblica amministrazione debbono essere liquidate a misura dell’intera vicenda processuale”; nonché a regolare le spese del presente giudizio di legittimità;

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa la decisione impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Bari, altra composizione, anche per il regolamento delle spese del giudizio di legittimità;

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 24 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA