Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3245 del 12/02/2010

Cassazione civile sez. un., 12/02/2010, (ud. 19/01/2010, dep. 12/02/2010), n.3245

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ELEFANTE Antonino – Primo Presidente f.f. –

Dott. PREDEN Roberto – Presidente di sezione –

Dott. MERONE Antonio – Consigliere –

Dott. SALME’ Giuseppe – Consigliere –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. NAPPI Aniello – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. TIRELLI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

F.E., elettivamente domiciliato in Roma, via S. Tommaso

d’Aquino 47, presso lo studio dell’avv. GALIANI Tullio, che lo

rappresenta e difende per mandato in atti;

– ricorrente –

contro

Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione e Ministero della

Giustizia;

per la cassazione della sentenza n. 74/2009, depositata l’11/6/2009

dalla Sezione Disciplinare del Consiglio Superiore della

Magistratura.

Udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

19/1/2010 dal Relatore Cons. Dott. Francesco Tirelli;

Udito l’avv. Galiani;

Sentito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dr.

PIVETTI Marco, che ha concluso per la dichiarazione

d’inammissibilità del ricorso.

La Corte:

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che il Dott. F.E. ha proposto ricorso contro la sentenza depositata l’11/6/2009, con la quale la Sezione Disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura gli ha inflitto la sanzione della censura per ritardato deposito di numerose sentenze;

che il ricorrente ha formulato quattro motivi per violazione di legge e difetto di motivazione, sostenendo in definitiva che il giudice a quo avrebbe dovuto assolverlo dall’incolpazione ascrittagli perchè i ritardi di cui si discuteva non erano dipesi da incuria o negligenza, ma da vera e propria forza maggiore consistita in una serie di malattie che avevano colpito lui ed i suoi familiari; che successivamente alla proposizione del ricorso, il Consiglio Superiore della Magistratura ha però deliberato il collocamento a riposo del Dr. F. con decorrenza dal 5 gennaio 2010;

che la fuoriuscita dell’incolpato dall’Ordine Giudiziario comporta il venir meno di ogni interesse alla prosecuzione del giudizio disciplinare, che tanto per il magistrato quanto per l’Amministrazione nasce e vive soltanto nell’ambito e per le finalità del rapporto di pubblico impiego, con la conseguenza che una volta cessato quest’ultimo, deve terminare anche il primo perchè a quel punto insuscettibile di spiegare alcuno degli effetti suoi propri (C. Cass. 1995/5806, 1996/10048, 2005/7440 e, da ultimo, 2008/8733);

che il collocamento a riposo dell’interessato comporta, perciò, la cessazione della materia del contendere, con conseguente caducazione delle sentenze nel frattempo pronunciate;

che in applicazione di tale principio, che il Collegio condivide e ribadisce, il ricorso del Dr. F. va dichiarato inammissibile per sopravvenuta mancanza d’interesse;

che non occorre adottare alcun provvedimento sulle spese, stante il mancato svolgimento di attività difensiva da parte del Ministero della Giustizia.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione, a Sezioni Unite, dichiara il ricorso inammissibile per cessazione della materia del contendere.

Così deciso in Roma, il 19 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 febbraio 2010

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA