Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32265 del 13/12/2018

Cassazione civile sez. trib., 13/12/2018, (ud. 15/06/2018, dep. 13/12/2018), n.32265

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto L. C. G. – Consigliere –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – rel. Consigliere –

Dott. FRAULINI Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 19208/2012 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, con domicilio eletto in Roma, via dei

Portoghesi, n. 12;

– ricorrente –

contro

So.S. EDIL. spa assistita dagli avvocati Guglielmo Barone e Carlo

Cermignani con domicilio eletto presso il secondo in Roma, alla

piazza A. Capponi, n. 16 scala b, int. 7;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale per la

Sicilia – Sezione staccata di Catania, Sez. 17, n 12/17/2012,

depositata in data 23/01/2012 e non notificata.

Viste le conclusioni scritte del P.M. in persona del sostituto

Procuratore Generale Federico Sorrentino che ha concluso per

l’accoglimento del ricorso;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 15 giugno

2018 dal Consigliere Marcello M. Fracanzani;

Fatto

RILEVATO

che trattasi di impresa edile accertata in base agli studi di settore per mancata congruenza di due anni su tre, con recupero a tassazione pari a Euro 291.075,00 per l’anno di imposta 2004, quale differenza fra il dichiarato e la maggior somma presuntivamente accertata;

che, attivato l’obbligatorio confronto procedimentale e vagliate le giustificazioni offerte dall’impresa, queste venivano respinte;

che insorgeva quindi la contribuente, trovando parziale accogliento dalla CTP ove si dava credito alle prove circa la partecipazione a numerose gare per commesse pubbliche, vedendosene aggiudicate assai poche, rispetto gli anni precedenti;

che le giustificazioni del privato imprenditore trovavano più ampio riscontro nel giudizio avanti la CTR;

che ricorre l’Avvocatura Generale dello Stato affidandosi a due motivi di gravame;

che replica con puntuale controricorso parte contribuente; che la difesa erariale ha depositato altresì memoria in prossimità dell’udienza.

Diritto

CONSIDERATO

che con il primo motivo di lamenta insufficiente motivazione su di un punto controverso e decisivo in parametro all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5;

che, nel particolare, la difesa erariale lamenta non vi sarebbe stata motivazione circa la pretesa non motivazione dell’atto impositivo, di cui ripropone la lettura, per cui – in altri termini -. Il giudice di secondo grado non avrebbe sufficientemente spiegato come mai l’atto impositivo originario fosse stato ritenuto carente di motivazione;

che il motivo è infondato e va disatteso;

che, nel particolare, esaminando la sentenza gravata si evince come il 2, 3, 4 e 5 capoverso di pag. 3 denotino motivazione sul punto della valenza e dei limiti probatori degli studi di settore, con apprezzamento motivo che non travalica i limiti di illogicità, incongruenza, contraddittorietà, solo entro i quali è ammesso l’intervento di questa Corte e che, nel caso in esame, non può essere chiamata a sostituirsi al giudice di merito;

che il motivo è quindi infondato e va disatteso;

che, con il secondo motivo si lamenta violazione dell’art. 112 per omessa petizione in rapporto all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3;

che, nella sostanza, si contesta la corrispondenza fra chiesto e pronunciato, in quanto non ci sarebbe stato esito sul ricorso incidentale dell’Ufficio in appello alla sentenza di primo grado, ove ha ridotto l’ammontare da recuperare a tassazione, in accoglimento di alcune giustificazioni offerte dal privato;

che, non di meno, l’ultimo capoverso di pag. 3 della sentenza resa dalla CTR, invece, prende posizione sull’incidentale, respingendolo. Nè si può dire che sia pronuncia immotivata (cosa peraltro non sollevata dall’Avvocatura), in quanto l’incidentale è speculare al principale avversario nella parziale soccombenza reciproca: la motivazione dell’uno è a contrariis quella dell’altro;

che, in definitiva, il ricorso è infondato, le spese del giudizio seguono la regola della soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

Condanna la ricorrente alla rifusione delle spese che liquida in Euro cinquemila, oltre a spese generali nella misura forfettaria del 15% ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 15 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA