Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3224 del 10/02/2011

Cassazione civile sez. III, 10/02/2011, (ud. 12/01/2011, dep. 10/02/2011), n.3224

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MORELLI Mario Rosario – Presidente –

Dott. CARLEO Giovanni – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. LEVI Giulio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.D. (OMISSIS), M.G.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA COSTANTINO

87 SC. A, presso lo studio dell’avvocato MAGLIONE DOMENICO,

rappresentati e difesi dall’avvocato VOLPICELLI CARLO con studio in

ARZANO (NA), VIA L. ROCCO 68 giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

RAS S.P.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PANAMA 88, presso lo studio dell’avvocato SPADAFORA GIORGIO, che la

rappresenta e difende giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

M.L. (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 7284/2005 del TRIBUNALE di NAPOLI – TERZA

SEZIONE CIVILE, emessa il 23/6/2005, depositata il 29/06/2005, R.G.N.

24585/03;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/01/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO LEVI;

udito l’Avvocato GIORGIO SPADAFORA;

Lette le conclusioni, scritte dal Sostituto Procuratore Generale

dott.ssa CARESTIA Antonietta, confermate in Camera di Consiglio dal

P.M. dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha chiesto il rigetto del

ricorso per manifesta infondatezza.

La Corte:

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che:

1. Con sentenza n. 7284/2005 il Tribunale di Napoli ha rigettato l’appello proposto dagli odierni ricorrenti avverso la sentenza n. 56003/2002 del Giudice di Pace di Napoli;

2. I ricorrenti propongono ricorso per cassazione della predetta sentenza con due motivi;

3. Resiste l’intimata RAS S.p.A. con controricorso chiedendo il rigetto del ricorso perche’ infondato.

4. Il Procuratore Generale ha depositato conclusioni scritte ex art. 375 c.p.c. chiedendo il rigetto del ricorso per manifesta infondatezza.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

In condivisione delle richieste del PG che:

Con il primo motivo i ricorrenti, denunciano la violazione della L. n. 990 del 1969, art. 22 in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, con la conseguente erroneita’ della pronuncia di infondatezza anziche’ di improponibilita’ della domanda, sul rilievo che il g.a.

aveva ritenuto provata la preventiva richiesta di risarcimento alla RAS S.p.A. L. n. 990 del 1969, ex art. 22 sulla base di circostanze inconferenti e di elementi inidonei a provare l’invio della richiesta nel rispetto dei termini di legge.

La censura e’ manifestamente infondata, in quanto il g.a. ha fatto corretta applicazione della costante giurisprudenza della S.C., secondo la quale “la richiesta scritta di risarcimento prevista dalla L. n. 990 del 1969, art. 22 puo’ essere sostituita da atti equipollenti, purche’ ugualmente idonei a portare l’assicuratore a conoscenza dell’esistenza del sinistro e della richiesta del danneggiato, cosi’ come nel caso in cui sia intercorsa corrispondenza tra le parti o siano state svolte trattative per la liquidazione del danno (Cass. 2008, n. 10371; Cass. 2007, n. 22883). In particolare il g.a., con motivazione congrua, ha precisato che la questione della proponibilita’ della domanda doveva ritenersi superata tra le parti, perche’ genericamente dedotta dalla RAS in comparsa di risposta e non piu’ richiamata e/o specificata dalla RAS prima del giudizio, e che l’offerta transattiva comunicata dalla RAS prima del giudizio, con la trasmissione del relativo importo mediante assegno, consentiva agevolmente di ritenere soddisfatta la condizione di cui alla L. n. 990 del 1969, all’art. 22.

Con il secondo motivo i ricorrenti, deducono il vizio di motivazione in ordine alla mancata compensazione delle spese processuali, pur ricorrendo giusti motivi.

Il motivo e’ inammissibile, in quanto la facolta’ di disporre la compensazione tra le parti rientra nel potere discrezionale del giudice del merito, il quale non e’ tenuto a dare ragione con una espressa motivazione del mancato uso di tale facolta’ (Cass., S.U. 2005, n. 14989).

P.Q.M.

LA CORTE DI CASSAZIONE rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese del giudizio di cassazione che liquida in Euro 2.200,00, di cui 2.000,00 per onorari, oltre al rimborso delle spese generali e degli accessori previdenziali e fiscali di legge.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della sezione terza civile, il 12 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 10 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA