Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32126 del 05/11/2021

Cassazione civile sez. trib., 05/11/2021, (ud. 15/07/2021, dep. 05/11/2021), n.32126

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – Consigliere –

Dott. TADDEI Margherita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13046-2015 proposto da:

UMBRA ACQUE SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, V.LE BRUNO BUOZZI 51, presso lo

studio dell’avvocato CARDI MARCELLO, rappresentata e difesa

dall’avvocato CALVIERI CARLO;

– ricorrente –

contro

CONSORZIO DELLA BONIFICAZIONE UMBRA, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

PANAMA 86, presso lo studio dell’avvocato RANALLI GIOVANNI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato MARCUCCI MASSIMO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 14/2015 della COMM. TRIB. REG. UMBRIA,

depositata il 09/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/07/2021 dal Consigliere Dott. TADDEI MARGHERITA.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

– Umbria Acqua SpA ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza della CTR dell’Umbria n. 13/04/15, pronunciata nei confronti del Consorzio della bonifica Umbra e di Equitalia centro ora Agenzia della riscossione, che, in sede di giudizio rescissorio, in riforma della sentenza della CTP di Perugia, ha respinto il ricorso originario dell’attuale ricorrente per cassazione;

– che nelle more della fissazione del ricorso Umbria Acqua SpA e Consorzio della bonifica Umbra sono addivenute ad un accordo transattivo, sicché Umbria Acqua SpA ha manifestato l’intenzione di rinunciare al ricorso per cassazione, non avendo più interesse al giudizio;

– che il Consorzio della bonifica Umbra ha accettato tale rinuncia.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

– la rinuncia al ricorso, accettata dalla controparte, preclude l’esame del ricorso perché a tale manifestazione di volontà abdicativa segue la declaratoria di estinzione del processo; nulla sulle spese, poiché l’adesione alla rinuncia della controricorrente preclude la pronuncia sulle spese, a norma dell’art. 391 c.p.c., comma 3 (cass.n. 23737/2004; n. 19514/2008).

P.Q.M.

Dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione per rinuncia.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio tenutasi in modalità “da remoto”, il 15 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA