Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32071 del 09/12/2019

Cassazione civile sez. lav., 09/12/2019, (ud. 10/07/2019, dep. 09/12/2019), n.32071

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. CIRIELLO Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16987-2015 proposto da:

ALI AGENZIA LAVORO S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, L.G. FARAVELLI 22,

presso lo studio dell’avvocato ARTURO MARESCA, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato MAURIZIO FERRUCCIO DEL CONTE;

– ricorrente –

contro

B.C., + ALTRI OMESSI, elettivamente domiciliati in ROMA,

VIA ARNO 10, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI GIOVINAZZO, che

li rappresenta e difende;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 216/2015 della CORTE D’APPELLO di REGGIO

CALABRIA, depositata il 26/02/2015 r.g.n. 270/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/07/2019 dal Consigliere Dott. ANTONELLA CIRIELLO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso, in

particolare del secondo motivo;

udito l’Avvocato GIOVANNI GIOVINAZZO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Il Tribunale di Reggio Calabria, con sentenza del 27.9.2012 ha rigettato le domande risarcitorie dai ricorrenti proposte nei confronti della società ALI Agenzia per il Lavoro s.p.a., volte al ristoro del danno loro cagionato per non avere, quest’ultima, condotto la procedura selettiva di cui era stata incaricata dalla Prefettura, finalizzata all’assunzione di 60 lavoratori con contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato ai sensi del D.Lgs. n. 276 del 2003, conformemente ai criteri disposti dall’art. 2, lett. b del capitolato che prevedeva come “la scelta del candidato dovrà avvenire mediante procedura che assicuri il massimo della oggettività e trasparenza” (i candidati selezionati erano destinati agli Uffici giudiziari di primo grado di (OMISSIS) e delle Procure della Repubblica DDA (OMISSIS), nel profilo professionale ed economico ascrivibile all’area B2 del sistema di classificazione del Comparto Ministeri).

2. In particolare, i ricorrenti si dolevano del fatto la società ALI, che aveva pubblicato un annuncio su un sito internet cui gli stessi avevano risposto, non li avesse convocati per la selezione e, nonostante la successiva diffida, non li avesse assunti, senza giustificare la loro esclusione.

3. La Corte d’appello di Reggio Calabria, con sentenza n. 216 del 2015 depositata il 26 febbraio del 2015, in riforma, per quanto qui rileva, della pronuncia di primo grado, ha condannato ALI Agenzia per il Lavoro spa al pagamento in favore degli appellanti del risarcimento dcl danno commisurato, per ciascuno di essi, all’80% della retribuzione parametrata all’orario ordinario di un operatore B2 nel periodo in discussione 2010/2011, per sette mensilità, oltre interessi e rivalutazione.

4. La Corte territoriale, sulla base delle risultanze agli atti, ha infatti ritenuto che la indicazione contenuta nel capitolato, che imponeva per la scelta dei candidati il massimo della oggettività e trasparenza costituisse un vincolo per la società, che – in concreto – la privasse del potere di procedere in base a criteri discrezionali alla selezione del personale, essendosi impegnata a definire dei criteri obiettivi ossia verificabili dall’esterno e a dare contezza (mediante adeguata e congrua motivazione) delle proprie scelte.

La Corte di appello ha accolto la originaria domanda di risarcimento sul rilievo che tali obblighi fossero invocabili non solo dalle parti del contratto, ma anche da terzi, e che non fossero stati adempiuti dalla Agenzia, che non aveva comunicato ai controricorrenti le ragioni della loro esclusione dalla procedura selettiva.

Richiamati gli orientamenti di legittimità che, sia pure in diverso contesto, ossia nell’ambito delle procedure di selezione funzionali alla progressione in carriera, valorizzano i concetti di obbiettività e trasparenza, la corte territoriale è pervenuta alla individuazione del danno risarcibile da perdita di chance, sulla base del tasso di probabilità che i candidati avevano di risultare vincitori, qualora la selezione tra i concorrenti si fosse svolta in modo corretto e trasparente, ritenendo tale probabilità elevata, concreta ed effettiva e procedendo alla liquidazione sulla base di una probabilità pari all’80%.

4. Avverso tale sentenza, ha proposto ricorso per cassazione la ALI s.p.a., affidato a 3 motivi, cui hanno resistito con controricorso gli interessati.

6. Tutte le parti hanno depositato memoria, ai sensi dell’art. 378 c.p.c..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Col primo motivo di ricorso la società ha censurato la sentenza, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5) e per motivazione inesistente.

Avrebbe prodotto un motivazione contraddittoria o, quantomeno, perplessa e incomprensibile, sostanzialmente inesistente la corte di appello confondendo due diverse fattispecie (contratto di appalto Ali – Prefettura e asserita offerta al pubblico Ali – ricorrenti per fondare il diritto dei candidati al risarcimento del danno).

Avrebbe omesso di considerare la corte che nessuna offerta al pubblico risultava formulata, ma una inserzione per richiesta di personale, realizzata secondo le modalità in cui ordinariamente si esprimono le Agenzie per il lavoro (regolate dal D.Lgs. n. 276 del 2003).

2. Con il secondo motivo di ricorso la ricorrente ha dedotto la violazione degli artt. 1173,1175,1336 c.c., art. 1372 c.c., comma 2 e art. 1655 c.c. (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) in cui sarebbe incorsa la corte.

In particolare, la corte territoriale, avrebbe violato la norma di cui all’art. 1372 c.c., comma 2, per cui il contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge, ritenendo che il contratto di appalto stipulato dalla s.p.a. Ali con la Prefettura di Reggio Calabria costituisse fonte di un diritto soggettivo di credito per coloro (i candidati) che avevano risposto all’annuncio di ricerca di personale; avrebbe errato la corte omettendo ogni richiamo alle disposizioni di legge dalle quali avrebbe tratto la affermazione per la quale i ricorrenti sarebbero creditori di una prestazione “secondaria”.

Avrebbe errato la sentenza impugnata ritenendo che il contratto di appalto stipulato dalla s.p.a. Ali con la Prefettura di Reggio Calabria costituisse fonte di un diritto soggettivo di credito per coloro (i candidati) che avevano risposto all’annuncio di ricerca di personale. per omessa pronuncia sugli effetti formatisi in base all’art. 416 c.p.c., comma 3, a fronte della mancata contestazione dell’eccezione di carenza di legittimazione passiva; nonchè per violazione dell’art. 112 c.p.c. e violazione del regime di cui all’art. 416 c.p.c., comma 3.

Ancora, avrebbe errato la corte di appello, condividendo con il giudice di prime cure l’inesistenza della fattispecie “offerta al pubblico” e, tuttavia, contraddittoriamente, applicando una disciplina che nelle espressioni usate non potrebbe trovare altra giustificazione se non con richiamo all’art. 1336 c.c. (non potendo attribuirsi rilevanza verso terzi all’appalto), senza alcuna motivazione.

3. Col terzo motivo di ricorso la ricorrente ha dedotto, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, l’omessa motivazione oltre che la violazione dell’art. 112 c.p.c. e art. 132 c.p.c., comma 1, n. 4, nonchè dell’art. 1336 c.c., art. 1372 c.c., comma 2 e art. 1655 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, poichè nella motivazione della sentenza non si ravviserebbero le ragioni di fatto e di diritto della decisione (art. 132 c.p.c., comma 1, n. 4); in particolare, avrebbe errato la corte fondando la condanna su un inadempimento di Ali S.p.a. relativo ad una clausola del contratto di appalto stipulato dalla stessa con la stazione appaltante e, pur escludendo che l’annuncio pubblicato da Ali S.p.a. costituisse una offerta al pubblico, applicando, di fatto e contraddittoriamente, l’art. 1336 c.c., per farne derivare per Ali S.p.a. l’obbligazione di dar corso alla procedura di selezione. Avrebbe errato, altresì, la corte, per giustificare la condanna, ad operare il riferimento alla nozione di “prestazione secondaria”, alla quale sarebbe stata tenuta Ali S.p.a., in forza del contratto, incorrendo nell’ipotesi di nullità per violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 1, n. 4 e art. 112 c.p.c. (per non aver pronunciato sulle eccezioni della resistente)

4. Il secondo e il terzo motivo, con i quali sostanzialmente ci si duole della violazione dell’art. 1372 c.c., sono per tale profilo, fondati.

Dalla lettura della sentenza impugnata emerge che a fondamento del diritto al risarcimento del danno i giudici di appello hanno posto il contratto di appalto e la violazione dei suoi obblighi che, secondo la corte, assumerebbe rilevanza verso i terzi (ed infatti la corte esclude che effetti possano derivare dalla invitatio ad offerendum consistente nella pubblicazione dell’inserzione, ritenuta priva dei requisiti necessari per costituire una offerta al pubblico).

E’ pacifico, tuttavia, che quel contratto fu stipulato tra i soggetti diversi dagli odierni controricorrenti, e che rispetto ad esso i controricorrenti risultano terzi, non avendo alcun titolo per invocarne le clausole.

Del resto, come emerge dalla lettura degli atti introduttivi del giudizio (riportato dalla ricorrente in adempimento dell’onere di specificità dei motivi di ricorso) la causa petendi della domanda risarcitoria, proposta dagli aspiranti lavoratori risultava fondata proprio sul contratto di appalto (cfr. pag. 16 del ricorso introduttivo).

Ne discende allora, che erroneamente la sentenza, conformemente alla prospettazione dei ricorrenti, ha ravvisato la fonte dell’obbligo risarcitorio nel contratto di appalto (come si evince dalla lettura della sentenza, pag. 8 ove si predica la possibilità dei candidati di fare valere l’obbligo assunto in sede di aggiudicazione) che, risultando stipulato tra soggetti diversi, non poteva essere invocato dai controricorrenti, ai sensi dell’art. 1372 c.c., in forza del quale il contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge (Cassazione civile sez. II, 15/06/1991, n. 6775).

5. Risulta inammissibile invece il primo motivo di ricorso, con il quale la ricorrente si duole dell’omesso esame di fatto decisivo, senza però chiaramente indicare i termini dell’omissione e finendo, anche letteralmente (cfr. pag. 60 ricorso) per denunciare una motivazione “contraddittoria, perplessa, incomprensibile, sostanzialmente inesistente”.

Poichè la sentenza della Corte territoriale risulta depositata in data 26 febbraio 2015, si applica il punto n. 5) dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nella versione di testo introdotta dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54, comma 1, lett. b), conv. con modificazioni in L. n. 134 del 2012, la quale consente il ricorso per cassazione solo per “per omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti”.

Le Sezioni unite di questa Corte (Cass. SS.UU. n. 8054 del 2014) hanno espresso su tale norma i seguenti principi di diritto: a) la disposizione deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 preleggi, come riduzione al minimo costituzionale del sindacato sulla motivazione in sede di giudizio di legittimità, per cui l’anomalia motivazionale denunciabile in sede di legittimità è solo quella che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante e attiene all’esistenza della motivazione in sè, come risulta dal testo della sentenza e prescindendo dal confronto con le risultanze processuali, e si esaurisce, con esclusione di alcuna rilevanza del difetto di “sufficienza”, nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile fra affermazioni inconciliabili”, nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”; b) il nuovo testo introduce nell’ordinamento un vizio specifico che concerne l’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che se esaminato avrebbe determinato un esito diverso della controversia); c) l’omesso esame di elementi istruttori non integra di per sè vizio di omesso esame di un fatto decisivo, se il fatto storico rilevante in causa sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, benchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze istruttorie; d) la parte ricorrente dovrà indicare – nel rigoroso rispetto delle previsioni di cui all’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6) e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4) – il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui ne risulti l’esistenza, il “come” e il “quando” (nel quadro processuale) tale fatto sia stato oggetto di discussione tra le parti, e la “decisività” del fatto stesso.

Il motivo in esame risulta sicuramente inadeguato rispetto all’osservanza di tali enunciati, peraltro non individuando in maniera chiara i fatti ritenuti decisivi, che avrebbero determinato, un esito del giudizio diverso. Pertanto la censura si palesa inammissibile.

6. Per tutte le considerarsi finora svolte, devono trovare accoglimento le censure oggetto del secondo e del terzo motivo di ricorso, con rigetto dei residui motivi e censure. La sentenza impugnata va pertanto cassata, con rinvio alla Corte d’appello di Catanzaro che procederà a nuovo giudizio, oltre che alla regolazione delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo e il terzo motivo di ricorso, inammissibile il primo; cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia alla Corte d’appello di Catanzaro, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 10 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 9 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA