Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31983 del 11/12/2018

Cassazione civile sez. lav., 11/12/2018, (ud. 14/06/2018, dep. 11/12/2018), n.31983

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 5858-2016 proposto da:

TELECOM ITALIA S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, L.G.

FARAVELLI 22, presso lo studio degli avvocati ENZO MORRICO, ARTURO

MARESCA, ROBERTO ROMEI, FRANCO RAIMONDO BOCCIA, che la rappresentano

e difendono giusta delega in atti;

– ricorrenti –

contro

A.A., P.L., AL.FR., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIALE REGINA MARGHERITA 294, presso lo studio

dell’avvocato ANGELO VALLEFUOCO, rappresentati e difesi dagli

avvocati LUCA TARTAGLIONE, STEFANIA ANTONINI, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 484/2015 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 02/09/2015 r.g.n. 636/2014 + l;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/06/2018 dal Consigliere Dott. ADRIANO PIERGIOVANNI PATTI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SERVELLO GIANFRANCO, che ha concluso per l’inammissibilità o in

subordine rigetto;

udito l’Avvocato ROBERTO ROMEI;

udito l’Avvocato MARCO IANIGRO per delega Avvocati LUCA TARTAGLIONE e

STEFANIA ANTONINI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza 2 settembre 2015, la Corte d’appello di Firenze dichiarava la nullità della cessione del contratto di lavoro di Al.Fr., P.L. e Ai.An. da Telecom Italia s.p.a. a MP Facility s.p.a. e condannava la prima società al ripristino del rapporto di lavoro con i predetti con l’inquadramento attribuito al tempo della cessione: così riformando la sentenza di primo grado, che aveva invece rigettato la domanda dei lavoratori illegittimamente trasferiti.

A motivo della decisione, la Corte territoriale escludeva la formazione di un tacito consenso dei lavoratori alla cessione dei loro contratti e riteneva illegittimo il trasferimento del ramo d’azienda dalla predetta società a MP Facility s.p.a., in difetto del requisito di preesistenza, a norma dell’art. 2112 c.c. nel testo applicabile ratione temporis, di un’articolazione funzionalmente autonoma di un’attività economica organizzata: avendo al contrario accertato, sulla base delle scrutinante risultanze istruttorie, il trasferimento di una sola parte del Servizio Manutenzioni, priva di autosufficienza produttiva, oltre che di ogni funzione decisoria e diversa da quella meramente operativa.

Con atto notificato il 1 marzo 2016, Telecom Italia s.p.a. ricorreva per cassazione con due motivi, cui resistevano i lavoratori con unico controricorso e memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo, la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 1325,1372 e 1406 c.c., per erronea esclusione del consenso tacito dei lavoratori alla cessione del loro contratto di lavoro da Telecom Italia s.p.a. a MP Facility s.p.a., avendo consapevolmente tenuto un comportamento (non già di inerzia, ma) attivo, quale la quotidiana prestazione lavorativa per oltre sette anni prima della proposizione del ricorso giudiziale.

2. Con il secondo, la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione dell’art. 2112 c.c., per l’autonomia funzionale del ramo ceduto a MP Facility, siccome idoneo alla produzione di un servizio o di un bene, quale un’attività di natura amministrativa e contabile nei confronti di imprese esterne clienti di Telecom s.p.a., essendo irrilevante che esso sia stato costituito (fin dall’inizio) come una parte del più ampio Servizio Manutenzioni.

3. Il primo motivo, relativo a violazione e falsa applicazione degli artt. 1325,1372 e 1406 c.c., per erronea esclusione del consenso tacito dei lavoratori alla cessione del loro contratto di lavoro, è infondato.

3.1. Bene la Corte territoriale ha applicato i principi di diritto in materia, secondo cui lo svolgimento, in via di mero fatto, di prestazioni lavorative per il cessionario non integra accettazione della cessione del contratto di lavoro (Cass. 16 giugno 2014, n. 13617; Cass. 24 ottobre 2017, n. 25144).

3.2. E comunque si tratta di valutazione del significato e della portata del complesso di elementi di fatto di competenza del giudice di merito, le cui conclusioni non sono censurabili in sede di legittimità se non sussistano vizi logici o errori di diritto (Cass. 4 agosto 2011, n. 16932 con principio affermato ai sensi dell’art. 360bis c.p.c., n. 1; Cass. 11 marzo 2011, n. 5887; Cass. 13 febbraio 2015, n. 2906; Cass. 12 dicembre 2017, n. 29871): inesistenti nel caso di specie, nell’argomentato accertamento in fatto della Corte territoriale (per le ragioni esposte in particolare al p.to 4.3. di pg. 3 della sentenza).

4. Anche il secondo motivo, relativo a violazione e falsa applicazione dell’art. 2112 c.c. per l’autonomia funzionale del ramo ceduto a MP Facility, è infondato.

4.1. Ed infatti, parimenti la Corte territoriale ha esattamente applicato i consolidati principi di diritto in materia di trasferimento di ramo d’azienda, a norma dell’art. 2112 c.c., anche nel testo modificato dal D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 32applicabile ratione temporis, secondo cui ne costituisce elemento costitutivo l’autonomia funzionale, ovvero la sua capacità, già al momento dello scorporo dal complesso cedente, di provvedere ad uno scopo produttivo con i propri mezzi funzionali ed organizzativi: e quindi di svolgere, senza integrazioni di rilievo da parte del cessionario, il servizio o la funzione finalizzati nell’ambito dell’impresa cedente. E ciò, anche secondo la sentenza della Corte di Giustizia del 6 marzo 2014, in C-458/12 (richiamata in particolare da: Cass. 28 settembre 2015, n. 19141 per avere, a fini di applicazione della direttiva 2001/23/CE del 12 marzo 2001, ribadito la necessità di una sufficiente autonomia funzionale, anteriormente al trasferimento, della quota d’impresa ceduta; ferma restando la possibilità, in forza dell’art. 1, par. 1, lett. a, b della citata direttiva, per la normativa nazionale di estensione dell’obbligo di mantenimento dei diritti dei lavoratori trasferiti pure nell’ipotesi di non preesistenza del ramo d’azienda), presuppone una preesistente entità produttiva funzionalmente autonoma (Cass. 15 aprile 2014, n. 8757; Cass. 27 maggio 2016, n. 11069; Cass. 31 maggio 2016, n. 11247; Cass. 31 luglio 2017, n. 19034; Cass. 29 novembre 2017, n. 28508).

4.2. Ed è peraltro noto come un ramo d’azienda ben possa essere individuato, quando non occorrano particolari mezzi patrimoniali per l’esercizio dell’attività economica, anche da un complesso stabile organizzato di persone, addirittura in via esclusiva allorquando siano dotate di particolari competenze e stabilmente coordinate ed organizzate tra loro, così da rendere le loro attività interagenti e idonee a tradursi in beni e servizi ben individuabili (Cass. 6 aprile 2016, n. 6693, con richiamo di precedenti di legittimità e della Corte di Giustizia UE in motivazione).

4.3. Nel caso di specie, la Corte territoriale ha accertato in fatto la carenza di prova dell’esistenza di un ramo d’azienda, in esito a puntuale scrutinio degli elementi allegati e acquisiti dalle risultanze istruttorie. E ciò ha congruamente argomentato con piena adeguatezza sotto il profilo logico – giuridico (per le ragioni esposte dal penultimo capoverso di pg. 4 all’ultimo di pg. 6 della sentenza), sicchè è insindacabile nel giudizio di legittimità, preclusivo di una revisione del giudizio di merito e di una nuova pronuncia sul fatto, siccome estranee alla sua natura e finalità (Cass. 26 marzo 2010, n. 7394); tanto meno in una prospettiva di ricostruzione dei fatti operata &dia parte in contrapposizione a quella dii giudice di merito, incensurabile dal giudice di legittimità, al quale solo pertiene la facoltà di controllo, sotto il profilo della correttezza giuridica e della coerenza logico-formale, delle argomentazioni del giudice di merito, non equivalendo il sindacato di logicità del giudizio di fatto a revisione del ragionamento decisorio (Cass. 16 dicembre 2011, n. 27197; Cass. 18 marzo 2011, n. 6288; Cass. 19 marzo 2009, n. 6694; Cass. 5 ottobre 2006, n. 21412).

4.4. Un tale sindacato è tanto più precluso dal novellato art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, applicabile ratione temporis, in difetto di deduzione di omesso esame di un fatto, invero scrutinato, ma della sua valutazione, non censurabile (Cass. s.u. 7 aprile 2014, n. 8053; Cass. 10 febbraio 2015, n. 2498; Cass. 21 ottobre 2015, n. 21439).

5. Dalle superiori argomentazioni discende coerente il rigetto del ricorso, con la regolazione delle spese secondo il regime di soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE

rigetta il ricorso e condanna Telecom Italia s.p.a. alla rifusione, in favore dei controricorrenti, delle spese del giudizio, che liquida in Euro 200,00 per esborsi e Euro 5.000,00 per compensi professionali, oltre rimborso per spese generali 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 14 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 dicembre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA