Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3197 del 02/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 02/02/2022, (ud. 14/12/2021, dep. 02/02/2022), n.3197

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. FIECCONI Francesca – rel. Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11535-2021 proposto da:

TALETE S.P.A. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LIVIO ANDRONICO N.

25, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE DI PIETRO, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

P.A., PA.MA., P.C.M., elettivamente

domiciliate in ROMA, VIA NAZARIO SAURO 16, presso lo studio

dell’avvocato MASSIMO PISTILLI, che le rappresenta e difende

unitamente all’avvocato RICCARDO CATINI;

– controricorrenti –

contro

REGIONE LAZIO, (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MARCANTONIO COLONNA

27, presso lo studio dell’avvocato TIZIANA CIOTOLA, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

AUTORITA’ D’AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. (OMISSIS) (OMISSIS)

(OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 1104/2020 del TRIBUNALE di VITERBO, depositata

il 21/10/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/12/2021 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCA

FIECCONI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. Talete s.p.a. propone ricorso per cassazione della sentenza n. 1104/2020 resa dal Tribunale di Viterbo in relazione all’appello della ricorrente avverso la sentenza con cui era stata condannata a risarcire il danno, pari a Euro 350,00 per ciascuno subito da Pa.Ma., P.A. e P.C. per mancata dearsenificazione delle acque potabili di cui Talete era gestore, oltre il rimborso del 50% del canone versato, fino a che l’acqua non sia divenuta potabile; con la sentenza impugnata è stata dichiarata la carenza di giurisdizione dell’Ago nei confronti della Regione Lazio, chiamata in manleva da Talete unitamente ad (OMISSIS), rimasta contumace nel giudizio di appello. Talete è stata condannata al pagamento delle spese sopportate da Regione Lazione e (OMISSIS).

2. Il ricorso è affidato a quattro motivi. Si sono costituiti notificando rispettivi controricorsi la Regione Lazio e i sig.ri Pa. e P..

Diritto

RITENUTO

che:

1. Con il primo motivo si deduce Violazione o falsa applicazione ai sensi dell’art. 360 c.p.c., nn. 2 e 3, delle norme in tema di competenza per valore (artt. 7,10 e 341 c.p.c.) e del principio del chiesto pronunciato ex art. 112 c.p.c. violazione, rispetto al valore della controversia e della c.d. “clausola di contenimento” del principio del chiesto pronunciato e conseguente emissione di una statuizione ultra petita. Si deduce il vizio di ultrapetizione per violazione dell’art. 112 c.p.c. nella parte della sentenza in cui il giudice ha statuito il diritto delle parti attrici di ottenere una decurtazione del 50% dei costi di depurazione addebitati fino a quando l’erogazione di acqua potabile non sarà fornita a valori conformi alla legge, avendo gli attori in I grado richiesto una condanna nei limiti di valore del Giudice di Pace adito).

1.1. Secondo la ricorrente, l’assenza di una quantificazione economica certa dettata anche eventualmente da un termine finale apposto, conosciuto e/o conoscibile, comporta inequivocabilmente l’indeterminatezza nel valore della statuizione de qua.

1.2. Il motivo è fondato con riferimento al limite di valore previsto per le controversie innanzi al Giudice di Pace.

1.3. Il Tribunale in accoglimento dell’appello incidentale degli attori ha accertato il diritto degli attori alla riduzione al 50% dei costi di depurazione indicati nella tariffa idrica da versare alla Talete spa nei periodi di riferimento, fino a quando non sarà erogata acqua potabile. Non si tratta di mera dimenticanza come si deduce nel controricorso, ovvero di una sorta di errore materiale, ma è statuizione ultrapetita avendo gli attori in origine delimitato il petitum nell’ambito della competenza del GdP.

1.4. Stante la espressa limitazione della domanda alla competenza per valore del Giudice di pace, il capo di condanna censurato, concernente i danni futuri patienti dagli attori, avrebbe dovuto essere contenuto entro il limite della cd. clausola di contenimento, pena l’ultrapetizione.

1.5. Ed invero questa Corte ha già avuto modo di affermare (v. Cass., Sez. Terza, 5/09/2011, n. 18100 e 11/12/2003, n. 18942) che: “In caso di proposizione cumulativa di più domande, qualora l’attore abbia dichiarato di voler limitare complessivamente le domande nell’ambito della competenza per valore del giudice adito (cosiddetta “clausola di contenimento”), tale limitazione ha effetto non solo ai fini dell’individuazione del giudice competente per valore ma, nel caso del giudice di pace, anche in relazione alla scelta del criterio di decisione e, in ogni caso, anche in relazione al merito, con la conseguenza che è viziata da ultrapetizione la sentenza che, accogliendo la domanda, vada oltre il limite indicato con la clausola di contenimento”.

1.6. A tale orientamento va data continuità in questa sede.

1.7. Non potendo, quindi, il danno futuro pari al 50% delle spese di depurazione essere ritenuto accessorio rispetto alla domanda risarcitoria principale, lo stesso si cumula con questa, ai fini della -7- Ric. 2019 n. 35570 sez. SU – ud. 1409-2021 determinazione del valore della causa (Cass., Sez. Seconda, 14/03/1978, n. 1282).

2. Con il secondo motivo si contestano violazioni TU Ambiente n. 152 del 2006, art. 141 e ss, del D.Lgs. n. 31 del 2001, artt. 9, 12, 13, e D.P.C.M. n. 3921 del 2011 rapportati ad art. 1218 c.c.ex art. 360 c.p.c., n. 3. La sentenza viene impugnata nella parte in cui, nel dichiarare il difetto di giurisdizione del'(OMISSIS) in ordine alla domanda di manleva proposta dalla Talete s.p.a. nei confronti della Regione (e dell’Autorità d’Ambito ATO n. (OMISSIS) (OMISSIS), domanda poi rinunciata con sua estromissione dal giudizio), ha ritenuto che il rapporto Talete e l’ente regionale sia di natura amministrativa..

3. Con il terzo motivo si denuncia omesso esame di fatto decisivo e rilevante ex art. 360 c.p.c., n. 5. Il Tribunale avrebbe omesso di valutare la normativa richiamata nel precedente motivo di ricorso e i documenti offerti in ordine al ruolo-chiave dell’Ente Regionale. Da tali atti emergerebbe che l’intervento della Regione a mezzo della gestione diretta o a mezzo di soggetti privati delegati a seguito di bando di gara – di parte delle fasi del S.I.I. in via emergenziale, come da normativa di settore vigente, implicherebbe l’impossibilità per la Talete di intervenire sull’acqua erogata e, quindi, la renderebbe esposta a inadempimento contrattuale, con la conseguenza che essa dovrebbe essere manlevata dalla Regione.

3.1. Il secondo e terzo motivo vanno trattati congiuntamente in quanto collegati alla medesima questione di giurisdizione, negata dall’AGO.

3.2. Il secondo motivo è fondato determinando l’assorbimento del terzo.

3.3. Il Tribunale ha affermato, con plurime argomentazioni, nonché il richiamo a varie pronunce di questa Corte, la carenza di giurisdizione dell’AGO in quanto la domanda non si fonda su un rapporto privatistico, ma attiene alla contestazione della modalità e correttezza dell’esercizio del potere amministrativo da parte della regione Lazio, non sussistendo un rapporto privatistico tra la società e il gestore del S.I.I. Pertanto, ha rilevato la sussistenza della giurisdizione, sul punto, del G.A. ex art. 133 cod. proc. amm., con conseguente dichiarazione del difetto di giurisdizione del giudice ordinario limitatamente alla domanda di manleva proposta, non potendo in tal caso operare il principio di connessione (citando opportunamente Cass., Sez. U, n. 3508/2003, n. 7447/2008 e n. 21070/2019). Per altra via ha statuito la carenza di legittimazione passiva della Regione Lazio in relazione alla domanda di manleva.

3.4. Va però evidenziato che la domanda di garanzia impropria proposta dal Gestore verso l’Ente altro non è che il riflesso della domanda risarcitoria rivolta contro il Gestore stesso e sulla quale, come già affermato, sussiste la giurisdizione dell’Autorità Giudiziaria Ordinaria. Non può, pertanto, pervenirsi a diverse conclusioni per la domanda accessoria, rispetto a quella principale (Cass. Sez. U. n. 36897/21; Cass., Sez. Un., 33209/2018).

3.5. Tanto si ricava principalmente da Cass. Sez. U. n. 36897/21 che, pronunciandosi proprio su questa questione, e sostanzialmente riconsiderando i precedenti in proposito, ha affermato che la giurisdizione sulla domanda di garanzia formulata dal gestore del servizio di erogazione delle acque nei confronti dell’ente pubblico che sovrintende su tale servizio spetta al giudice ordinario, quale riflesso della giurisdizione sulla domanda principale.

4. Con il IV motivo si denuncia “violazione o falsa applicazione degli artt. 91 e 92 c.p.c. con riguardo alla condanna di Talete al pagamento delle spese in favore di (OMISSIS) Lazio Nord”, nonostante sia rimasta contumace in appello.

4.1. Il motivo è fondato.

4.2. La condanna alle spese processuali, a norma dell’art. 91 c.p.c., ha il suo fondamento nell’esigenza di evitare una diminuzione patrimoniale alla parte che ha dovuto svolgere un’attività processuale per ottenere il riconoscimento e l’attuazione di un suo diritto; sicché essa non può essere pronunziata in favore del contumace (o intimato in sede di giudizio di cassazione) ancorché vittorioso, poiché questi, non avendo espletato alcuna attività processuale, non ha sopportato spese al cui rimborso abbia diritto. In sintesi, non si può disporre la condanna alle spese in favore di chi ha deciso di non costituirsi in causa, come statuito in più occasioni (Cass. Sez. U. n. 36897/21 in fattispecie sovrapponibile; Cass., Sez. III, n. 16786 del 26.06.2018; Cass. n. 16174 del 2018; Cass., Sez. VII, n. 20869 del 06.09.2017; Cass., n. 17432 del 2011).

4.3. Conclusivamente la Corte accoglie il ricorso quanto al primo, secondo e quarto motivo, assorbito il terzo; cassa la sentenza e rinvia al tribunale di Tivoli anche per le spese.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso quanto al primo, secondo e quarto motivo, assorbito il terzo; per l’effetto, rinvia al tribunale di Tivoli, anche per le spese del presente giudizio.

Depositato in Cancelleria il 2 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA