Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31880 del 10/12/2018

Cassazione civile sez. lav., 10/12/2018, (ud. 18/10/2018, dep. 10/12/2018), n.31880

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13514-2013 proposto da:

I.N.P.S. ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS),

in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati

CLEMENTINA PULLI, MAURO RICCI, EMANUELA CAPANNOLO, giusta delega in

atti;

– ricorrente –

contro

V.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ANDREA

BAFILE 3, presso lo studio dell’avvocato SERGIO MASSIMO MANCUSI, che

la rappresenta e difende giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 8569/2012 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 20/11/2012 r.g.n. 2756/11.

Fatto

CONSIDERATO IN FATTO

1. La Corte d’appello di Roma, in riforma della sentenza del Tribunale, ha condannato l’Inps al riconoscimento, sulla pensione goduta da V.G., del diritto all’incremento della maggiorazione sociale di cui alla L. n. 448 del 2001, art. 38,comma 1 senza ulteriori accertamenti sul reddito.

La Corte ha esposto, infatti, che la fattispecie in esame rientrava nei casi previsti dall’art. 38 citato, comma 2 – essendo la V. titolare di assegno sociale per trasformazione della pensione di inabilità dopo il superamento del 65 anno di età ai sensi della L. n. 118 del 1971, art. 19 – per i quali,a differenza degli altri casi previsti nell’art. 38, non era previsto uno specifico requisito reddituale, come sostenuto dal Tribunale, dovendosi tenere conto ” dei medesimi criteri economici adottati per l’accesso e per il calcolo dei predetti benefici”. La Corte ha osservato,pertanto, che la V. essendo titolare della pensione, era evidentemente già in possesso dei requisiti reddituali per godere di tale prestazione e che, pertanto, non dovevano essere ulteriormente illustrati.

2. Avverso la sentenza ricorre l’Inps con un motivo. Resiste la V. con controricorso.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

3. Con un unico motivo l’Istituto denuncia violazione della L. n. 448 del 2001, art. 38.

Deduce che la V. aveva un reddito superiore a quello previsto all’art. 38, comma 5 citato, e successivi incrementi, e che una corretta interpretazione dell’art. 38 citato imponeva di ritenere che anche i soggetti indicati nel comma 2 dovessero soggiacere agli stessi criteri economici previsti dall’art. 38, comma 5 citato, adottati per l’accesso e per il calcolo per i soggetti di cui di cui al 1 comma. Ne consegue, secondo l’Inps, che anche per la V. occorreva avere riguardo al limite di reddito previsto dall’art. 38, comma 5 citato e non al limite reddituale previsto per l’accesso all’originaria pensione di invalidità, poi trasformata in assegno sociale in quanto ultrasettantenne, di cui godeva la pensionata.

4. Il ricorso è fondato e deve essere confermato quanto già esposto nella sentenza di questa Corte n. 2714/2018.

L’art. 38 citato, al 1comma, prevede un incremento delle pensioni godute da alcune categorie di soggetti disagiati ed in particolare elenca alle lettere A), B) e C) i beneficiari in coloro che godono dei trattamenti pensionistici ivi specificati.

Al comma 2 della norma è prevista l’estensione del suddetto beneficio ad altre categorie di soggetti tra i quali, per quel che qui rileva,ai titolari di trattamenti trasferiti all’Inps ai sensi della L. n. 118 del 1971, art. 19.

L’art. 38, comma 5 fissa i limiti di reddito necessari per godere dei suddetti benefici.

Secondo la Corte d’appello i beneficiari elencati al comma 2 non sarebbero soggetti ai limiti di reddito indicati al comma 5. Tale tesi poggia sull’espressione contenuta nel comma 2 secondo cui i benefici di cui al comma 1 sono accordati “tenendo conto dei medesimi criteri economici adottati per l’accesso e per il calcolo dei predetti”.

Ulteriore argomento a conforto della tesi è individuato dalla Corte territoriale nell’espressione contenuta nel 5 comma secondo cui” l’incremento di cui al comma 1 è concesso in base alle seguenti condizioni” economiche senza alcun riferimento al comma 2. L’interpretazione accolta dalla Corte non trova, tuttavia, adeguato riscontro nella norma in esame.

Quanto all’espressione contenuta nel comma 2 e su cui, in primo luogo, poggia la tesi accolta dalla Corte d’appello, va rilevato che la piana lettura della stessa consente di ritenere che l’inciso “tenendo conto dei medesimi criteri economici adottati per l’accesso e per il calcolo dei predetti benefici” si riferisce pur sempre ai benefici economici previsti dal 1 comma ed indica che, per godere dei predetti benefici anche i soggetti indicati dal comma 2 soggiacciono agli stessi criteri economici adottati per l’accesso e per il calcolo indicati al comma 1.

Come ha rilevato l’Inps una diversa interpretazione darebbe luogo ad inammissibili diversità di trattamento per i soggetti indicati al comma 2 che non sarebbero soggetti ai limiti reddituali di cui al comma 5 e così il cieco civile assoluto, di cui al comma 4, sarebbe soggetto al limite reddituale e non lo sarebbe invece il cieco civile, con evidenti incongruenze non altrimenti giustificabili.

E’, altresì, infondato l’ulteriore argomento su cui poggia l’interpretazione della Corte. L’art. 38, comma 5 ove stabilisce che “l’incremento di cui al comma 1 è concesso in base alle seguenti condizioni” non intende riferirsi solo ai beneficiari indicati al comma 1, lett. a), b) e c), ma a tutti i pensionati che sono ammessi a godere del beneficio previsto dal dall’art. 38, comma 1.

In conclusione il ricorso va accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata. Non essendo necessari ulteriori accertamenti la causa può essere decisa nel merito con il rigetto dell’originaria domanda sussistendo la prova di un reddito familiare superiore ai limiti di legge.

Le spese dell’intero processo vanno compensate considerato che solo recentemente è intervenuta questa Corte sulla questione.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito rigetta l’originaria domanda della V.; compensa le spese dell’intero processo.

Così deciso in Roma, il 18 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 10 dicembre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA