Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31677 del 06/12/2018

Cassazione civile sez. I, 06/12/2018, (ud. 30/10/2018, dep. 06/12/2018), n.31677

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23067/2017 proposto da:

A.W., domiciliato in Roma, presso la Cancelleria centrale

civile della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dall’avv.

Spadavecchia Pierluigi, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno, in persona Ministro pro tempore, domiciliato

in Roma, Via dei Portoghesi, 12, rappresentato e difeso

dall’Avvocatura Generale dello Stato, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 287/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 21/02/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

30/10/2018 dal Cons. Dott. LAMORGESE ANTONIO PIETRO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

A.W. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte d’appello di Ancona, in data 21 febbraio 2017, che confermando la sentenza impugnata aveva rigettato la sua domanda di protezione internazionale.

Il richiedente la protezione aveva riferito di avere lasciato il suo Paese, la Nigeria, per il timore di conseguenze dannose per il suo rifiuto di accettare la carica di capo sacerdote del villaggio, al posto del padre deceduto, essendo egli cristiano ed avendo già subìto ad opera di alcuni concittadini l’uccisione della madre e del fratello nell’incendio della propria casa.

La Corte ha ritenuto che il racconto fosse generico e non credibile (per le ragioni indicate a pag. 6 e 7 della sentenza) e in sostanza riconducibile a vicenda privata, dalla quale non si desumevano profili persecutori o di danno grave, ai fini della protezione internazionale, oltre che privo dell’indicazione delle ragioni per le quali non aveva sporto denuncia alle autorità locali o non aveva da esse potuto ottenere tutela; ha verificato che la zona dell’Edo State da cui proveniva il richiedente non era interessata da eventi bellici o da situazioni di emergenza umanitaria o di violenza indiscriminata ed ha osservato che l’interessato non aveva accennato a problematiche relative ai conflitti tra cristiani e musulmani; infine ha ritenuto insussistenti i requisiti di vulnerabilità soggettiva, ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria.

Il Ministero dell’interno ha presentato controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con un unico motivo il ricorrente ha denunciato violazione di alcune disposizioni del D.Lgs. n. 251 del 2007, per avere i giudici di merito omesso di effettuare i dovuti accertamenti d’ufficio sulla veridicità della situazione di rischio denunciata, in considerazione della violenza diffusa e indiscriminata esistente nell’Edo State.

Il ricorso è in parte inammissibile, censurando esclusivamente la ratio decidendi riguardante il fondo della domanda di protezione internazionale, circa il pericolo di subire atti persecutori e danno grave in caso di ritorno in patria, e non l’ulteriore ratio riguardante la non credibilità del racconto, che è da sola sufficiente a sorreggere la decisione impugnata (Cass. n. 21668/2015); e comunque infondato, avendo la Corte accertato, con valutazione di fatto incensurabile, l’insussistenza dei presupposti sostanziali della protezione richiesta.

Il ricorso è rigettato. Le spese seguono la soccombenza.

Non è dovuto il raddoppio del contributo, essendo il ricorrente stato ammesso al patrocinio a spese dello Stato.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente alle spese, liquidate in Euro 1800,00, oltre spese prenotate a debito.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 30 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 6 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA