Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3162 del 09/02/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/02/2021, (ud. 26/01/2021, dep. 09/02/2021), n.3162

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – rel. Presidente –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso proposto da:

R.D., B.U., R.S., rappresentati e difesi

dagli avv. Federico Casa, Fabio Sebastiano e Federica Scafarelli,

elettivamente domiciliato presso lo studio della terza in Roma, Via

G. Borsi n. 4, come da procura in calce all’atto;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) s.n.c., e dei soci ill. resp., in persona del

curatore fall. p.t.;

– intimato –

per la correzione dell’errore materiale dell’ordinanza Cass. 13

dicembre 2019, n. 32996, in R.G. n. 4261/2017;

vista la memoria dei ricorrenti;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

giorno 26 gennaio 2021 dal Presidente relatore Dott. Massimo Ferro.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Ritenuto che:

la predetta ordinanza deve essere corretta laddove, nella denominazione del ricorrente (in epigrafe), nonchè con riguardo al fallimento e poi in premessa erroneamente si riferisce a ” BO. IMPIANTI di BO.” anzichè a ” B. IMPIANTI di B.”, trattandosi di evidente errore materiale;

non vi è luogo a pronuncia sulle spese;

visti l’art. 391 bis c.p.c. e art. 380bis c.p.c., commi 1 e 2.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso e dispone la correzione dell’ordinanza Cass. 13 dicembre 2019, n. 32996, in R.G. n. 4261/2017, nella quale le parole ” BO. IMPIANTI di BO.” vanno corrette in ” B. IMPIANTI di B.”.

Manda alla cancelleria di provvedere alla annotazione della correzione sull’originale della predetta ordinanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 febbraio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA