Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3155 del 08/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 3155 Anno 2018
Presidente: DORONZO ADRIANA
Relatore: DI PAOLA LUIGI

ORDINANZA
sul ricorso n. 17902-2017 proposto da:
QUATTI TIBERIO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FABIO
MASSIMO 45, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI PELLETTIERI,
che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato TULLIO GALIANI;
– ricorrente contro
C()TRAI, S.P.A.;
– intimata avverso la sentenza n. 855/2017 della CORVI’, SUPREMA DI
CASSAZIONE di ROMA, depositata il 16/01/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata
del 05/12/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI DI PAOLA.
Rilevato che:

Data pubblicazione: 08/02/2018

con la sentenza impugnata è stato rigettato il ricorso avverso la decisione del
giudice di appello che aveva ritenuto legittima la sanzione della destituzione
inflitta a ‘liberi() Quatti;
per la cassazione di tale decisione ha proposto ricorso il lavoratore, affidato ad
un motivo;

è stata depositata la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.,
ritualmente comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in
camera di consiglio;
la difesa del lavoratore ha depositato memoria in data 14 novembre 2017, ex
art. 380 bis, comma 2, c.p.c., insistendo per raccoglimento del ricorso.
Considerato che:
il Collegio ha deliberato di adottare la motivazione semplificata;
Tiberio Quatti – denunciando errore di percezione, da parte della Corte, e
vizio di omesso esame di fatti decisivi per il giudizio, ex art. 360, comma 1, n.
5, c.p.c. – ha censurato la decisione poiché non fondata su tutte le circostanze
di fatto emergenti dagli atti.
Ritenuto che:
la circostanza di fatto, asseritamente non percepita dalla Corte, è costituita
dalla presenza – notata dal lavoratore – di un collega, nell’attimo e nel luogo in
cui il lavoratore medesimo spostava l’alternatore, con conseguente non
verosimiglianza del proposito di portare a compimento l’azione delittuosa;
la censura in questione è inammissibile per difetto di decisività, giacché la
ragione della destituzione, come si legge in ricorso, è proprio la desistenza
ingenerata dalla predetta presenza, su cui verte il pertinente accertamento
giudiziale;
peraltro, l’errore di fatto revocatorio non può estendersi alle circostanze di
fatto – attinenti, per come affermato in ricorso, “al piano (oggettivo) della

2

la COTRAL è rimasta intimata;

verosimiglianza dei fatti narrati” – su cui si radica la censura formulata col
motivo di impugnazione, poiché l’opzione contraria si risolverebbe, non
plausibilmente, in un duplice sindacato – mediante un controllo sulla
motivazione della pronuncia della Corte di Cassazione impugnata per
revocazione -, addirittura di crescente intensità ed esteso a valutazioni di

appello;
comunque, nella sentenza risultano vagliati, nei limiti consentiti dal giudizio di
legittimità, tutti i motivi di impugnazione, con la precisazione che gli aspetti
valorizzati nel ricorso sono stati tutti puntualmente esaminati dalla Corte
territoriale, ma ritenuti superati dalle ulteriori risultanze e comunque non
decisivi;
non vi è luogo per una pronuncia sulle spese, essendo la controparte rimasta
intimata;
ai sensi dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, va dato atto
della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente,
dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per
il ricorso, a norma del comma 1-bis, dello stesso art. 13

PQM
dichiara inammissibile il ricorso; nulla sulle spese.
Ai sensi dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, dà atto della
sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente,
dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per
il ricorso, a norma del comma 1-bis, dello stesso art. 13.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 5 dicembre 2017.

merito, esercitato dalla stessa Corte sulla motivazione della sentenza di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA