Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31494 del 03/12/2019

Cassazione civile sez. trib., 03/12/2019, (ud. 03/07/2019, dep. 03/12/2019), n.31494

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – rel. Consigliere –

Dott. FICHERA Giuseppe – Consigliere –

Dott. DINAPOLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 24427/2012R.G. proposto da:

A.L. (C.F. (OMISSIS)), A.G. (C.F. (OMISSIS)),

A.N. (C.F. (OMISSIS)), quali eredi di AL.GI. (C.F.

(OMISSIS)), rappresentati e difesi dall’Avv. FRANCESCO VILLA PIZZI e

dall’Avv. ANTONINO RASPANTI, elettivamente domiciliati presso lo

studio del primo in Roma, Via Donatello, 23;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello

Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi,

12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale emessa

della Lombardia n. 252/67/2011 depositata il 25 luglio 2011.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 3 luglio 2019

dal Consigliere Filippo D’Aquino;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero in persona del

Sostituto Procuratore Generale TOMMASO BASILE, che ha concluso per

il rigetto del ricorso.

Fatto

RILEVATO

che:

Al.Gi., dichiarato fallito dal Tribunale di Mantova in data 14.04.2005, impugnò una cartella di pagamento emessa nei suoi confronti, a seguito di controllo automatizzato, per il recupero dell’eccedenza Iva 2003 che, pur in mancanza di presentazione della relativa dichiarazione, era stata portata in detrazione nell’anno di imposta successivo;

la CTP di Mantova rigettò il ricorso e la CTR della Lombardia, con sentenza del 25 luglio 2011, ha a sua volta rigettato l’appello del contribuente contro la decisione;

Al.Gi. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza, affidato a due motivi al quale l’Ufficio ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con memoria in data 17.06.2019 A.L., A.G. e A.N. – producendo atto di notorietà per Notaio F. in Mantova in data (OMISSIS), Rep. (OMISSIS), nel quale dichiarano di essere eredi dell’originario ricorrente, deceduto in data successiva alla proposizione del ricorso – si sono costituiti in luogo del loro dante causa, conferendo procura speciale ai difensori anche al fine di rinunciare agli atti del giudizio;

gli eredi danno atto che il debito tributario per cui è causa è stato in precedenza parzialmente soddisfatto e, successivamente, definitivamente estinto nella parte residua per effetto di definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione a termini del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193, conv. con L. 1 dicembre 2016, n. 225;

il depositato atto di rinuncia al ricorso non è stato però notificato all’Agenzia controricorrente nè comunicato all’Avvocatura dello Stato per l’apposizione del visto ed è dunque inidoneo a determinare l’estinzione del giudizio;

tuttavia la rinuncia denota il definitivo venir meno dell’interesse della parte alla decisione, con conseguente inammissibilità del ricorso (Cass., Sez. VI, 7 giugno 2018, n. 14782; Cass., Sez. III, 21 giugno 2016, n. 12743; Cass., Sez. I, 14 luglio 2006, n. 15980);

attesa la definizione dei carichi pendenti, le spese del giudizio di legittimità vanno integralmente compensate.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e compensa le spese.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 3 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA