Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31399 del 02/12/2019

Cassazione civile sez. lav., 02/12/2019, (ud. 10/10/2019, dep. 02/12/2019), n.31399

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

Dott. PICCONE Valeria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14655/2014 proposto da:

L.L., domiciliato ope legis presso la Cancelleria della

Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dall’Avvocato RAFFAELE

FERRARA;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati

ANTONIETTA CORETTI, VINCENZO TRIOLO, VINCENZO STUMPO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2748/2013 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 07/05/2013 R.G.N. 723/2009.

Fatto

RILEVATO

che con sentenza del 7 maggio 2013, la Corte d’Appello di Napoli confermava la decisione resa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e rigettava la domanda proposta da L.L. nei confronti dell’INPS, avente ad oggetto il riconoscimento del diritto all’indennità di mobilità in ragione del rapporto di lavoro intercorso con la New Mac Gregory & C. per il periodo dal 6.11.1993 al 7.4.1997 accertato con sentenza 7435/2002 che veniva a configurare come licenziamento la cessazione del rapporto intervenuta il 6.4.1999;

che la decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto insussistente il diritto stante il decorso del termine di decadenza previsto per la presentazione della domanda amministrativa di riconoscimento del sussidio di disoccupazione pienamente applicabile anche per la domanda di mobilità, termine il cui dies a quo andava nel caso di specie individuato nella data di emanazione della sentenza dichiarativa della sussistenza del rapporto di lavoro, potendo da quella data essere esercitato il diritto all’inoltro della domanda;

che per la cassazione di tale decisione ricorre il L., affidando l’impugnazione a due motivi, cui resiste, con controricorso, l’INPS;

che l’Istituto controricorrente ha poi presentato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che, con il primo motivo, il ricorrente, nel denunciare la violazione e falsa applicazione della L. n. 223 del 1991, art. 7, comma 12, in relazione all’art. 14 preleggi, R.D.L. n. 1827 del 1935, artt. 73 e 129, conv. nella L. n. 1155 del 1936, lamenta a carico della Corte territoriale l’erroneità dell’interpretazione del disposto della L. n. 223 del 1991, art. 7, comma 12, nella parte in cui richiama “in quanto applicabile” la disciplina relativa all’indennità di disoccupazione dettata dal R.D. n. 1155 del 1936, assumendo che dalla stessa non può inferirsi non solo la prevista decadenza dal diritto alla presentazione della domanda amministrativa ma neppure la necessità di una domanda;

che, con il secondo motivo, denunciando la violazione e falsa applicazione della L. n. 223 del 1991, art. 7, comma 12 e D.L. n. 148 del 1993, art. 4, comma 1, imputa alla Corte l’erroneità del convincimento espresso circa l’identificazione del dies a quo per il computo del termine, da ritenersi coincidere non tanto con i 68 giorni successivi alla data di emanazione della sentenza, la 7435/2002, dichiarativa della natura subordinata del rapporto di lavoro intercorso con la Società con la quale poi il rapporto stesso era cessato quanto con il diverso termine meramente ordinatorio e, dunque, suscettibile di proroga in presenza di adeguate giustificazioni, previsto dal D.L. n. 148 del 1993, art. 4, comma 1, ben potendo, dunque la relativa domanda essere inoltrata il successivo 25.6.2004;

che il primo motivo deve ritenersi infondato alla luce dell’orientamento accolto da questa Corte (cfr Cass., SS.UU., 6 dicembre 2002, n. 17389) per cui anche per l’indennità di mobilità sia necessaria la domanda dell’interessato da presentare nei termini previsti per l’indennità di disoccupazione essendo l’istituto riconducibile ad un trattamento di disoccupazione e dovendo escludersi che lo stesso sorga in capo al lavoratore in via automatica e presupponga, invece, come tutti i trattamenti previdenziali, la presentazione all’INPS di una domanda soggetta alla disciplina prevista in via generale per l’accesso all’indennità di disoccupazione;

che parimenti infondato si rivela il secondo motivo, dovendo ritenersi il ricorrente, il cui rapporto di lavoro era cessato il 6.4.1999, tenuto ad inoltrare, entro il termine di decadenza decorrente da quella data e, dunque, a prescindere dalla regolarità o meno del rapporto, la domanda diretta a conseguire l’indennità di mobilità;

che, pertanto, il ricorso va rigettato;

che le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.500,00 per compensi, oltre spese generali al 15% ed altri accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 10 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 2 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA