Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31356 del 02/12/2019

Cassazione civile sez. VI, 02/12/2019, (ud. 08/10/2019, dep. 02/12/2019), n.31356

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. VALITUTTO Antonio – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 18204-2019 proposto da:

V.P., T.V., difensori di F.V.,

N.G., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CAIO MARIO 27,

presso lo studio dell’avvocato CARLO SRUBEK TOMASSY, rappresentati e

difesi da se medesimi;

– ricorrenti –

contro

M.M., S.R., CURATELA FALLIMENTO (OMISSIS)

SCCA A RL;

– intimati –

avverso l’ordinanza n. 12275/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 09/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 08/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DOLMETTA

ALDO ANGELO.

Fatto

CONSIDERATO

che, con ricorso ex art. 288 c.p.c., gli avvocati T.V. e V.P., “rispettivamente il primo procuratore e difensore di N.G.” ed “entrambi di F.V.” nel procedimento iscritto al n. R.G. 16642/2017, hanno chiesto la correzione degli errori materiali contenuti nell’ordinanza di questa Corte n. 12275 del 9 maggio 2019, in punto di determinazione relative alle spese del giudizio di legittimità;

che il ricorso è stato notificato alle parti interessate;

che, a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c., è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio;

che i ricorrenti lamentano l’omessa pronuncia sulla richiesta dei difensori dichiaratisi antistatari e sulla liquidazione degli “accessori per compensi avvocato dovuti per legge”, nonchè la mancata specificazione del tipo di liquidazione a cui sia da imputare la somma di Euro 100,00, come pertinente alla condanna dei soccombenti al pagamento della somma di Euro 3.100,00;

che l’istanza può essere accolta, trattandosi negli indicati casi di errori determinati da mere sviste di carattere materiale;

che non vi è luogo a pronuncia sulle spese, trattandosi appunto di procedimento per correzione di errori materiali (Cass., n. 25156/2019).

PQM

Accoglie l’istanza e dispone che, laddove nell’ordinanza di questa Corte n. 12275 del 9 maggio 2019 è scritto “liquidando a carico di ciascuno di essi la somma di Euro 3.100,00 (di cui Euro 100,00) nei confronti di ciascuno dei resistenti”, deve intendersi scritto “liquidando a carico di ciascuno di essi la somma di cui Euro 3.100,00 (di cui Euro 100,00 per esborsi), oltre al 15% per rimborso spese generali, C.A.P. e I.V.A., come per legge nei confronti di ciascuno di resistenti e per essi in favore degli avvocati T.V. e V.P., quali procuratori dei resistenti dichiaratisi antistatari”.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile – 1, il 8 ottobre 2019.

Depositato in cancelleria il 2 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA