Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31202 del 03/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 03/12/2018, (ud. 18/10/2018, dep. 03/12/2018), n.31202

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – rel. Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 29897-2017 R.G. proposto da:

C.T.E. DI P.V. & C. SNC, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

GIUSEPPE AVEZZANA 51, presso lo studio dell’avvocato ANTONELLO

ZUCCONI, rappresentata e difesa dagli avvocati PIERCARLO

CASTAGNETTI, GIUSEPPE ZAVARONI;

– ricorrente –

contro

G.L.;

– intimato –

per regolamento di competenza avverso la sentenza n. 744/2017 del

GIUDICE DI PACE di LA SPEZIA, depositata il 14/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/10/2018 dal Consigliere Dott. LINA RUBINO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale CORRADO MISTRI, che conclude per

l’accoglimento dell’istanza di regolamento di competenza, con

conseguente dichiarazione della competenza del Giudice di Pace di La

Spezia.

Fatto

RILEVATO

che:

1.La s.n.c. C.T.E. di P.V. e C. ha proposto ricorso per regolamento di competenza, notificato il 7.12.2017, contro G.L., avverso la sentenza n. 744 del 14.11.2017 del Giudice di Pace di La Spezia, con la quale questi si dichiarava incompetente per valore a decidere la causa (avente ad oggetto il risarcimento dei danni patrimoniali riportati dalla società a seguito di un tamponamento a catena che aveva coinvolto una sua autovettura) in favore del tribunale.

2. La parte controricorrente non ha presentato memoria ai sensi dell’art. 47 c.p.c., comma 5.

3. Il Procuratore Generale ha concluso chiedendo che si dichiari la competenza del Giudice di pace a decidere la causa.

4. Il procuratore della ricorrente ha depositato dichiarazione di rinuncia nel termine per depositare la memoria.

Dato atto dell’intervenuta rinuncia del ricorrente, occorre dichiarare l’estinzione del presente giudizio.

Nulla sulle spese, non avendo la controparte svolto attività difensiva in questa sede.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di cassazione, il 18 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 3 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA