Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3120 del 07/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 07/02/2017, (ud. 13/07/2016, dep.07/02/2017),  n. 3120

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO ANGELO – Presidente –

Dott. TRAVAGLINO GIACOMO – rel. Consigliere –

Dott. SESTINI DANILO – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI MARCO – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA ANTONELLA – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 25211-2014 proposto da:

AXA MPS ASSICURAZIONI DANNI SPA, in persona del suo Procuratore

Speciale R.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DELLA GIULIANA 44, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI

FRONTICELLI BALDELLI, che la rappresenta e difende giusta procura

speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

S.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA NOMENTANA 91,

presso lo studio dell’avvocato CINZIA MECO, che la rappresenta e

difende unitamente agli avvocati ALBERTO MARIO ZIZI, GIUSEPPE

MALANDRINO giusta procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

P.G.;

– intimato –

avverso l’ordinanza della CORTE D’APPELLO SEZ.DIST. DI di SASSARI,

depositata il 26/06/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/07/2016 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l’Avvocato GIOVANNI FRONTICELLI BALDELLI;

udito l’Avvocato CINZIA MECO anche per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE TOMMASO che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Axa Assicurazioni s.p.a. impugna dinanzi a questa Corte, con due motivi di ricorso, l’ordinanza n. 186 del 2014, pronunciata dalla Corte di appello di Sassari il 26.6.2014, con la quale veniva disposta la correzione di alcuni errori materiali contenuti nella sentenza n. 186 del 2014, depositata il 30.4.2014 (oggetto di separata impugnazione dinanzi a questo stesso giudice di legittimità.

Il ricorso è inammissibile, volta che, per costante giurisprudenza di questa Corte (ex aliis, Cass. n. 16205 del 2013), deve essere esclusa tout court l’impugnabilità del provvedimento di correzione, foss’anche attraverso lo strumento processuale di cui all’art. 111 Cost., attesa la natura non decisoria del provvedimento de quo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di Cassazione, che si liquidano in complessivi Euro 3200, di cui 200 per spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17 dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari alla somma giàdovuta, a norma del predetto art. 13, comma 1.

Così deciso in Roma, il 13 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 7 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA