Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31174 del 28/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 28/11/2019, (ud. 11/07/2019, dep. 28/11/2019), n.31174

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27584-2017 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SALLUSTIANA

15, presso lo studio dell’avvocato ANTONIO BUBICI, rappresentato e

difeso dall’avvocato FEDERICA ZULLI;

– ricorrente –

contro

EDIF SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA BENACO 5/7, presso lo studio

dell’avvocato MARIA CHIARA MORABITO, rappresentata e difesa

dall’avvocato GUGLIELMO BORGIANI;

– controricorrente –

contro

M.R.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 610/2017 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 12/04/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 11/07/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO

ROSSETTI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La società Edif s.p.a., creditrice di M.R., pignorò presso terzi le somme a quest’ultimo dovute da C.G..

C.G. rese una dichiarazione di quantità negativa, e la Edif introdusse il relativo giudizio di accertamento ex art. 548 c.p.c. (nel testo vigente ratione temporis).

2. Con sentenza 19.1.2016 n. 28 il Tribunale di Chieti, sezione di Ortona, stabili che C.G. non era debitore di M.R.; la Corte d’appello de L’Aquila, adita dalla soccombente Edif, ritenne il contrario ed accolse il gravame.

3. Ricorre per cassazione avverso la suddetta sentenza il terzo pignorato C.G..

La Edif ha resistito con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Inammissibilità del ricorso.

1.1. E’ superfluo dare conto dei motivi posti a fondamento del ricorso, in quanto esso è inammissibile per tardività.

La sentenza impugnata è stata infatti depositata il 12.4.2017.

Il processo è iniziato nel 2010, quindi s’applica il termine semestrale ex art. 327 c.p.c..

Il termine per impugnare è quindi scaduto il 12.10.2017, mentre il ricorso è stato passato per la notifica il 13.11.2017.

Deve solo precisarsi che al giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo pignorato non s’applica la sospensione feriale dei termini, come ripetutamente affermato da questa corte (Sez. 3, Sentenza n. 1030 del 25/01/2012, Rv. 620567 – 01; Cass. (ord.) n. 24047 del 2014 e (ord.) n. 25063 del 2016).

2. Le spese.

2.1. Le spese del presente giudizio di legittimità vanno a poste a carico del ricorrente, ai sensi dell’art. 385 c.p.c., comma 1 e sono liquidate nel dispositivo.

2.2. del ricorso costituisce il presupposto, del quale si dà atto con la presente sentenza, per il pagamento a carico della parte ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’impugnazione, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, (nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17).

PQM

(-) dichiara inammissibile il ricorso;

(-) condanna C.G. alla rifusione in favore di Edif s.p.a. delle spese del presente giudizio di legittimità, che si liquidano nella somma di Euro 2.700, di cui 200 per spese vive, oltre I.V.A., cassa forense e spese forfettarie ai sensi del D.M. 10 marzo 2014, n. 55, ex art. 2, comma 2;

(-) dà atto che sussistono i presupposti previsti dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, per il versamento da parte di C.G. di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’impugnazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte di cassazione, il 11 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA