Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31043 del 30/11/2018

Cassazione civile sez. trib., 30/11/2018, (ud. 25/10/2018, dep. 30/11/2018), n.31043

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. PERRINO Angelina Maria – rel. Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO Maria Giulia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 26564 del ruolo generale dell’anno 2012,

proposto da:

Italnord s.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentato e difeso, giusta procura speciale a margine del

ricorso, dall’avv. Fabio Liotta, presso lo studio del quale in

Saronno, alla via Piave, n. 3, elettivamente si domicilia;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persone del direttore pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

gli uffici della quale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12, si

domicilia;

– controricorrente e ricorrente in via incidentale –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Lombardia, depositata in data 21 settembre 2011, n.

103/35/11.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Si legge nella sentenza impugnata che l’Agenzia ha recuperato iva, irpeg e irap relative all’anno 2001 nei confronti della società contribuente in base ad accertamento induttivo, stante l’omessa presentazione della dichiarazione per l’anno d’imposta in questione.

La società ha impugnato il relativo avviso, ottenendone in primo grado il parziale annullamento, in quanto la Commissione tributaria provinciale ha ridotto la percentuale di ricarico nella misura del 9%, adeguando l’importo delle sanzioni.

La Commissione tributaria regionale ha respinto il successivo appello della contribuente, sostenendo che fossero state correttamente applicate le cc.dd. presunzioni supersemplici evocate dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 2.

Contro questa sentenza propone ricorso la società per ottenerne la cassazione, che affida a un motivo articolato in due censure, che illustra con memoria, cui l’Agenzia replica con controricorso e ricorso incidentale condizionato, articolato in due motivi.

Diritto

RAGIONE DELLA DECISIONE

1.- Il ricorso, col quale la società si duole della violazione del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 55, comma 1, là dove il giudice d’appello ha trascurato di computare le imposte detraibili, nonchè i corrispondenti profili di omessa o insufficiente motivazione, è inammissibile perchè non è autosufficiente.

2.- La società non allega nè altrimenti indica di aver proposto le questioni sin dal primo grado, limitandosi a sunteggiare il contenuto dell’appello.

3.- Ne risulta assorbito il ricorso incidentale dell’Agenzia, proposta in via condizionata.

Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso principale, assorbito quello incidentale, e condanna la società a pagare le spese, che liquida in

Euro 2300,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 25 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA