Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31034 del 28/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 5 Num. 31034 Anno 2017
Presidente: CAPPABIANCA AURELIO
Relatore: TRICOMI LAURA

SENTENZA
sul ricorso 24316-2010 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA VIA DEI

PORTOGH E SI 12, presso l’AvvoLATURA C1MERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende;
– ricorrente contro
LIVIERO ROBERTO,
LUNGOTEVERE

DEI

elettivamente domiciliato

in ROMA

SANGALLO l, presso lo studio

dell’avvocato ANDREA VOLTAGGIO, rappresentato e difeso
dall’avvocato FERRUCCIO PEZZANGORA giusta delega a
margine;

Data pubblicazione: 28/12/2017

- controricorrente

avverso la sentenza n. 45/2010 della COMM.TRIB.REG. dg
VENE4X, depositata il 24/05/2010;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 12/10/2017 dal Consigliere Dott. LAURA

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. IMMACOLATA ZENO che ha concluso per
l’inammissibilità del ricorso per sopravvenuta carenza
di interesse;
udito per il ricorrente l’Avvocato GENTILI che
concorda con le conclusioni del P.G.

TRICOMI;

FATTI DI CAUSA
La CTR del Veneto, con la sentenza n.45/24/2010, in epigrafe
indicata, ha dichiarato inammissibile il ricorso per revocazione, ex

entrate avverso la sentenza della CTR del Veneto n. n. 46/30/2008,
impugnata dalla stessa parte pubblica anche con ricorso per
cassazione.
Nel presente giudizio l’Agenzia delle entrate ricorre per cassazione
con cinque motivi, insistendo per l’ammissibilità del giudizio
revocatorio.
Roberto Liviero resiste con controricorso.
Il ricorso, fissato dinanzi alla Corte di cassazione, sezione sesta
civile tributaria, per l’adunanza camerale dell’8.11.2010, è stato
rimesso alla sezione quinta per la trattazione in pubblica udienza.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Risulta preliminare e decisivo considerare che la sentenza della
CTR Veneto n. 46/30/2008, oggetto del giudizio per revocazione,
incardinato dinanzi alla CTR del Veneto, deciso con la sentenza
oggetto del presente giudizio in relazione alla quale si insiste per la
revocazione, risulta già cassata con rinvio al primo grado per difetto
di costituzione del litisconsorzio necessario soci/società di persone
con la sentenza di questa Corte n. 27606/2011.
Ne consegue che la ricorrente non ha interesse a proseguire il
giudizio (Cass. 6885/2015, 21951/2013) essendo già stata cassata la
sentenza CTR Veneto n. 46/30/2008 intorno alla quale si discute.
R.G.N.24316/2010
Cons. est. Laura Tricorni

i

art.395, comma 1, n.4, cod. proc. civ. proposto dall’Agenzia delle

Restano assorbiti tutti i motivi.
Le spese del giudizio di legittimità si compensano.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso per difetto di interesse

sopravvenuto;
Compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 12 ottobre 2017.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA