Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 31021 del 30/11/2018

Cassazione civile sez. trib., 30/11/2018, (ud. 06/11/2018, dep. 30/11/2018), n.31021

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – rel. Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. D’OVIDIO Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15153-2012 proposto da:

COMUNE DI SIENA in persona del Sindaco e legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA CORSO VITTORIO EMANUELE

II 18, presso lo studio dell’avvocato GREZ GIANMARCO, rappresentato

e difeso dall’avvocato FABIO PISILLO giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA PANAMA 68, presso

lo studio dell’avvocato GIOVANNI PUOTI, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato VINCENZO D’ISIDORO giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 467/2011 della COMM. TRIB. REG. di FIRENZE,

depositata il 13/12/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/11/2018 dal Consigliere Dott. STALLA GIACOMO MARIA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VISONA’ STEFANO che ha concluso per la cessata materia del

contendere;

uditi per il ricorrente gli Avvocati PISILLO e COPPOLA con delega,

che si riportano agli atti;

udito per il controricorrente l’Avvocato PUOTI che si riporta agli

atti.

Fatto

FATTI RILEVANTI E RAGIONI DELLA DECISIONE.

p. 1. Il Comune di Siena ha proposto cinque motivi di ricorso per la cassazione della sentenza n. 467/1/11 del 13 novembre 2011, con la quale la commissione tributaria regionale della Toscana, a conferma della prima decisione, ha ritenuto illegittimo stante la perdurante vigenza nell’ordinamento della norma di esenzione tributaria soggettiva di cui al D.Lgs.Lgt. n. 359 del 1944, art. 3 – l’avviso di accertamento notificato all’Accademia Nazionale dei Lincei in recupero dell’Ici 2007 non versata, oltre sanzioni ed interessi; ciò in relazione ad un immobile di proprietà di quest’ultima, adibito ad albergo.

Ha resistito con controricorso l’Accademia Nazionale dei Lincei; entrambe le parti hanno depositato memoria.

p. 2.1 In data 31 ottobre 2018 il Comune di Siena ha depositato, ex art. 372 c.p.c., documenti comprovanti l’avvenuta definizione della lite ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, art. 11, conv. in L. n. 96 del 2017: – istanza dell’Accademia Nazionale dei Lincei di definizione agevolata della presente controversia ai sensi della normativa in questione; – quietanze di pagamento di tutte le rate dovute, l’ultima delle quali in data 27 giugno 2018; – Regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie approvato con Delib. Consiglio Comunale di Siena n. 217 del 2017; Circolare agenzia delle entrate 28 luglio 2017, n. 22/E.

p. 2.2 Sulla base della documentazione così prodotta, attestante l’avvenuta definizione della lite secondo la normativa statuale richiamata (fatta propria dal Comune di Siena con il suddetto Regolamento, secondo quanto consentito dal D.L. n. 50 del 2017 cit., art. 11, comma 1 bis, risultante dalla legge di conversione), il giudizio deve essere dichiarato estinto.

Sotto un primo profilo, non vi sono ragioni perchè esso venga, alternativamente, semplicemente sospeso fino al 31 dicembre 2018, posto che la sospensione così prevista dalla legge (comma 8) opera solo su istanza di parte contribuente e, ad ogni modo, al solo fine di consentire di riscontrare l’effettiva definizione della lite mediante il versamento di quanto dovuto. Posto che quest’ultima condizione (pagamento del dovuto) si è comunque nella specie già verificata, come comprovato dalla suddetta documentazione e come del resto riconosciuto anche dalla Accademia, non vi sono ragioni per non soddisfare immediatamente la ratio legislativa, che è appunto quella di ottenere l’estinzione, in tal caso, del giudizio pendente.

Sotto un secondo profilo, non può trovare accoglimento la tesi oggi sostenuta dalla Accademia – al fine di giovarsi dello jus superveniens costituito dalla L. n. 205 del 2017, art. 1, comma 328 – secondo cui tale avvenuta definizione non avrebbe comportato l’estinzione della pretesa tributaria, con conseguente permanere dell’interesse da parte di essa contribuente ad una pronuncia sul fondo della questione. Contrariamente a tale assunto, il ricorso alla procedura di definizione agevolata non può che comportare l’estinzione del giudizio pendente per effetto del pagamento di quanto a tale titolo dovuto. Oltre che essere sottesa, come detto, alla ratio del D.L. n. 50 del 2017, questa regola ha portata generale, tanto da essere espressamente prevista dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 46, comma 1, secondo cui: “il giudizio si estingue, in tutto o in parte, nei casi di definizione delle pendenze tributarie previsti dalla legge ed in ogni altro caso di cessazione della materia del contendere”. Nè potrebbe fondatamente sostenersi che l’effetto estintivo riguarderebbe unicamente l’originaria pretesa impositiva, non anche quella risultante dal ricalcolo del dovuto per effetto dell’accesso alla procedura agevolata. La tesi della sopravvivenza, pur dopo la definizione, di un obbligo del contribuente concernente il medesimo rapporto giuridico tributario urta infatti con l’effetto estintivo anche di quest’ultimo obbligo, comunque derivante dall’avvenuto pagamento; non senza osservare come, nella concretezza del caso, l’ultima rata di definizione agevolata sia stata dalla Accademia corrisposta – a conferma della insussistenza altresì di qualsivoglia volontà novativa – alcuni mesi dopo l’entrata in vigore del suddetto jus superveniens.

Si è affermato in proposito – con riguardo alla procedura di definizione agevolata di cui al D.L. n. 193 del 2016, convertito in L. n. 225 del 2016, ma sulla base di un principio di più ampia portata – che: “in presenza della dichiarazione del debitore di avvalersi della definizione agevolata con impegno a rinunciare al giudizio ai sensi del D.L n. 193 del 2016, art. 6, conv. con modif. in L. n. 225 del 2016, cui sia seguita la comunicazione dell’esattore ai sensi del comma 3 di tale norma, il giudizio di cassazione deve essere dichiarato estinto, ex art. 391 c.p.c., rispettivamente per rinuncia del debitore, qualora egli sia ricorrente, ovvero perchè ricorre un caso di estinzione “ex lege”, qualora sia resistente o intimato; in entrambe le ipotesi, peraltro, deve essere dichiarata la cessazione della materia del contendere qualora risulti, al momento della decisione, che il debitore abbia anche provveduto al pagamento integrale del debito rateizzato”.

Su tale presupposto, corretto appare dunque quanto ritenuto dalla amministrazione finanziaria con la citata circolare 28 luglio 2017, n. 22/E, secondo cui, pur in assenza di istanza di sospensione da parte del contribuente, “considerato che la valida definizione agevolata della controversia costituisce comunque causa di estinzione del giudizio per cessazione della materia del contendere, la stessa può essere dichiarata dal giudice comunque ne venga ritualmente a conoscenza e quindi anche a seguito di comunicazione ad opera dell’ufficio parte in giudizio”.

In linea con gli obiettivi della definizione fin qui indicati è anche il citato Regolamento Comunale, art. 6, n. 8, secondo cui gli effetti del perfezionamento della definizione agevolata (id est, il pagamento del dovuto entro i termini prescritti) “prevalgono su quelli delle eventuali pronunce giurisdizionali non passate in giudicato prima dell’entrata in vigore del presente regolamento”.

P.Q.M.

La Corte:

– dichiara estinto il giudizio;

– compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 6 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA