Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30879 del 22/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 30879 Anno 2017
Presidente: DORONZO ADRIANA
Relatore: ESPOSITO LUCIA

ORDINANZA
sul ricorso 2518-2015 proposto da:
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, UNIVERSITA’ E RICERCA – C.F.
80185250588, in persona del Ministro pro tempore, domiciliato in
ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE
DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;
– ricorrente contro
RUSSO DOMENICO;
– intimato avverso la sentenza n. 3677/2014 della CORTE D’APPELLO di
NAPOLI, depositata il 17/07/2014;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 08/11/2017 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO.

Data pubblicazione: 22/12/2017

RILEVATO CHE:

1.1a Corte d’appello di Napoli, in riforma della sentenza di primo
grado, ha riconosciuto il diritto dell’attuale intimato, dipendente del
Ministero dell’Istruzione, a percepire l’indennità di vacanza
contrattuale dalla scadenza del CCNL 2000-2001 fino al successivo

2.

i giudici di merito riconoscevano dunque la fondatezza della

pretesa, argomentando che il diritto a percepire l’indennità di
vacanza contrattuale sorge con il decorso infruttuoso di tre mesi
dalla scadenza del contratto collettivo senza che sia stato raggiunto
dalle parti sociali l’accordo di rinnovo e che il riconoscimento degli
aumenti retributivi con effetto retroattivo non può avere effetto
estintivo di un diritto già maturato, che conserva la sua autonomia e
funzione.

3. avverso la sentenza ricorre il Ministero formulando unico motivo;

4. l’intimato non ha svolto attività difensiva;

5. il Collegio ha deliberato di adottare una motivazione semplificata;

CONSIDERATO CHE:

1.Va dichiarata l’inammissibilità del ricorso. Difetta, infatti, la prova
del perfezionarsi del procedimento notificatorio, avvenuto a mezzo
posta, non essendo rinvenibile in atti l’avviso di ricevimento ad esso
inerente e in mancanza della costituzione del destinatario dell’atto;

2.Vale in proposito richiamare l’orientamento consolidato della
giurisprudenza di legittimità, secondo il quale (Cass. n. 26108 del 30/12/2015,
conforme a Cass. 5 U n. 627 del 14/01/2008);

3.nessun provvedimento deve essere disposto in ordine alle spese di
giudizio, in mancanza di espletamento di attività difensiva ad opera
della parte intimata;

4. non può trovare applicazione nei confronti delle amministrazioni
dello Stato l’art. 13 comma 1 quater D.p.r. 30 maggio 2002 n. 115,
nel testo introdotto dall’art. 1 , comma 17 legge 24 dicembre 2012
n. 228, atteso che le stesse, mediante il meccanismo della
prenotazione a debito, sono esentate dal pagamento delle imposte e
tasse che gravano sul processo (cfr. Cass. n. 1778/2016);

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla sulle spese.
Così deciso in Roma 1’8/11/2017

deposito dell’avviso che affermi non aver ricevuto, che presuppone,

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA