Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3084 del 01/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 01/02/2022, (ud. 16/11/2021, dep. 01/02/2022), n.3084

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3721-2020 proposto da:

D.M., in proprio e quale ex amministratore della soc.

(OMISSIS) S.r.l., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso agli

avvocati PIETRO COLUCCI, ANGELO WALTER CIMA;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL, PROCURA GENERALE della REPUBBLICA PRESSO LA

CORTE D’APPELLO DI BOLOGNA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 3570/2019 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 16/12/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/11/2021 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA

VELLA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. con sentenza dell’8 luglio 2019 il Tribunale di Rimini ha dichiarato il fallimento della società (OMISSIS) s.r.l., su istanza del pubblico ministero; la società è rimasta contumace, mentre è intervenuto nel procedimento prefallimentare per opporsi alla dichiarazione di fallimento D.N., già amministratore formale della società per un breve periodo;

1.1. la Corte d’appello di Bologna ha respinto il reclamo ex art. 18 1.f. proposto da D.M., quale ex amministratore di fatto della società negli anni 2016-2017;

1.2. avverso detta decisione D.M. ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo; gli intimati non hanno svolto difese;

1.3. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

2. il ricorrente lamenta “Violazione/ falsa applicazione del disposto di cui all’art. 15 L. Fall., u.c.”, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3) e 5), osservando che, alla data della dichiarazione di fallimento, gli unici debiti liquidi certi ed esigibili della società erano quelli “verso fornitori” – per un importo inferiore ai trentamila Euro -essendo “gli ulteriori debiti non ancora titolati delle caratteristiche oggettive che la legge prevede ed essendo stati saldati i debiti tributari locali all’epoca sussistenti e rateizzati o fatti rientrare nella definizione agevolata ex D.L. 23 ottobre 2018, n. 119, i crediti vantati da Erario ed INPS”; la corte d’appello invece aveva erroneamente “liquidato l’intervenuto accordo con l’Agenzia delle Entrate-Riscossione (accettazione istanza per definizione Agevolata presentata a norma del D.L. 23 ottobre 2018, n. 119) come ininfluente/irrilevante”;

3. il motivo è inammissibile perché veicola censure prettamente meritali, non vagliabili in questa sede, per di più non decisive;

3.1. invero, al di là delle asserite risultanze istruttorie di cui alla relazione della Guardia di finanza, enunciate a pag. 19 del ricorso, non risulta attinta in modo conducente la ratio decidendi finale della corte territoriale, la quale, sulla base delle allegazioni e produzioni del pubblico ministero istante, ha ritenuto documentalmente provato “il credito dell’Agenzia delle Entrate per oltre 400.000 Euro già iscritto a ruolo (costituente quindi titolo esecutivo)” e soprattutto ha osservato “che esistevano poi altri debiti fra cui quelli verso fornitori e verso l’intervenuto in primo grado, questo non rinunciato” – cui non si fa cenno in ricorso – tali da superare il limite dei debiti scaduti e non pagati ex art. 15 L. Fall., u.c.;

4. segue la declaratoria di inammissibilità senza statuizione sulle spese, in assenza di difese degli intimati; ricorrono sussistono i presupposti processuali per il cd. raddoppio del contributo unificato ex D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater (cfr. Cass. Sez. U, 4315/2020).

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 16 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 1 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA