Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30762 del 30/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 30/12/2011, (ud. 29/11/2011, dep. 30/12/2011), n.30762

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – rel. Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrente –

contro

R.F.;

– intimato –

sul ricorso 966-2008 proposto da:

R.F., elettivamente domiciliato in ROMA VIA PASUBIO 2,

presso lo studio dell’avvocato HINNA DANESI FABRIZIO, che lo

rappresenta e difende, giusta delega a margine;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 79/2007 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 12/07/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

29/11/2011 dal Consigliere Dott. ETTORE CIRILLO;

udito per il ricorrente l’Avvocato MADDALO, che si riporta;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

POLICASTRO Aldo, che ha concluso per l’accoglimento nei limiti di cui

alla sentenza SS.UU. n. 13642/11 con cassazione e rinvio al Giudice

di Merito per la determinazione del rendimento sottoponibile alla

ritenuta del 12,50%.

Fatto

FATTO E DIRITTO

In applicazione del decreto del Primo Presidente in data 22 marzo 2011, il Collegio ha disposto che sia adottata una motivazione semplificata:

A. In controversia relativa al rimborso di trattenute erariali operate, con le aliquote previste dalla c.d. tassazione separata (32,25%), nei confronti di ex dirigente dell’Enel ( R.F.) sulle somme erogate (22/11/2000) da Fondenel (ex PIA) per la cessazione del rapporto (31/10/1987), l’Agenzia delle entrate ricorre per cassazione avverso la decisione d’appello favorevole al contribuente (CTR-Lazio n. 79/21/07), denunciando con cinque mezzi (e memorie) violazioni di legge (1. art. 2697 c.c.; D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 1, comma 5, art. 42, comma 4, art. 16, lett. a);

L. n. 482 del 1985, art. 6; 5. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 42, comma 4, art. 16, lett. a) e correlati vizi motivazionali sub. 3- 4 e sviluppando plurime questioni, alle quali la parte privata resiste anche con ricorso incidentale (e memorie).

B. Partendo dal ricorso principale, trattasi di questioni – dirette a contestare la riconosciuta tassazione agevolata del 12,50% – tutte recentemente e definitivamente risolte dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 13642 del 22 giugno 2011, che, unitamente ad altre trenta decisioni, ha enunciato il risolutivo e assorbente principio di seguito riportato:

C. “In tema di fondi previdenziali integrativi, le prestazioni erogate in forma capitale ad un soggetto che risulti iscritto, in epoca antecedente all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 124 del 1993, ad un Fondo di previdenza complementare aziendale a capitalizzazione di versamenti e a causa previdenziale prevalente, sono soggette al seguente trattamento tributario: a) per gli importi maturati fino al 31 dicembre 2000, la prestazione è assoggettata al regime di tassazione separata di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 16, comma 1, lett. a), e art. 17 T.U.I.R., solo per quanto riguarda la “sorte capitale” corrispondente all’attribuzione patrimoniale conseguente alla cessazione del rapporto di lavoro, mentre alle somme provenienti dalla liquidazione del c.d. rendimento si applica la ritenuta del 12,50%, prevista dalla L. n. 482 del 1985, art. 6; b) per gli importi maturati a decorrere dal 1 gennaio 2001 si applica interamente il regime di tassazione separata di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 16, comma 1, lett. a), e art. 17 T.U.I.R.”.

D. Inoltre, con riferimento al basilare concetto di “rendimento”, le Sezioni Unite precisano in motivazione (par. 6.1) che si tratta del “rendimento netto, imputabile alla gestione sul mercato da parte del Fondo del capitale accantonato”.

E. Quest’ultimo rilievo, riguardante specificamente la previdenza complementare aziendale per i dirigenti dell’Enel (disciplinata dagli accordi sindacali del 16 aprile 1986 e del 23 gennaio 1998), chiarisce e integra la generale portata regolatrice del principio di diritto.

F. Tutto ciò premesso, dichiarata assorbita ogni altra censura, il ricorso principale deve essere accolto per quanto di ragione, con stretto riferimento ai principi enunciati dalle Sezioni Unite e sopra riportati, non essendovi ragioni per discostarsene.

G. Ciò comporta la cassazione della difforme sentenza impugnata, con rinvio della causa, per nuovo esame della fattispecie concreta in forza dei suddetti principi (par. B-Q), alla commissione regionale competente, che, in diversa composizione, de4terminerà le somme maturate per investimenti nel libero mercato e liquiderà anche le spese del presente grado di giudizio.

H. Tale conclusione non è inficiata dall’eccezione preliminare di parziale inammissibilità del ricorso principale avanzata dal contribuente (controricorso pag. 12), atteso che è insussistente la denunciata erronea invocazione dell’art. 360 c.p.c., n. 3 a fronte di vizi di asserita sola natura motivazionale circa gli elementi di fatto costitutivi della fattispecie normativa. Infatti, la ricorrente, oltre all’allegazione della fattispecie concreta a mezzo delle risultanze di causa, deduce anche – e soprattutto – l’erronea ricognizione della fattispecie fiscale astratta recata da norme di legge e implicante un problema interpretativo delle stesse (Sez. 3 n. 19748/2011).

I. Inoltre, il ricorso incidentale del contribuente resta confinato nell’inammissibilità, trascurando del tutto che, nel vigore dell’art. 366 bis c.p.c., la denuncia di errori giuridici o di vizi motivazionali deve essere accompagnata dalla formulazione conclusiva di quesito (Sez. U n. 7258/2007) o sintesi (Sez. U n. 12339/2010).

PQM

La Corte, riuniti i ricorsi, accoglie parzialmente il ricorso principale nei sensi di cui in motivazione, dichiara inammissibile il ricorso incidentale, cassa la sentenza impugnata in relazione a quanto accolto e rinvia, anche per le spese, alla CTR-Lazio in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 29 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA