Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3076 del 01/02/2022

Cassazione civile sez. lav., 01/02/2022, (ud. 17/11/2021, dep. 01/02/2022), n.3076

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18027-2018 proposto da:

S.C., in qualità di titolare della omonima ditta

individuale, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SABOTINO n. 46,

presso lo studio dell’avvocato ANNA MARIA MIRANDA, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO POMPIGNA;

– ricorrente –

contro

B.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 210/2017 della CORTE D’APPELLO DI LECCE SEZ.

DIST. DI TARANTO, depositata il 12/06/2017 R.G.N. 70/2012;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

17/11/2021 dal Consigliere Dott. FABRIZIO AMENDOLA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. la Corte territoriale, con la sentenza impugnata, in riforma della pronuncia di primo grado, ha rigettato l’opposizione proposta da S.C. avverso il decreto ingiuntivo con cui era stato ingiunto il pagamento della somma di Euro 2.140,00, oltre interessi, in favore di B.G. “per retribuzioni non corrisposte nel periodo gennaio – maggio 2007, durante il quale non aveva potuto prestare la propria attività lavorativa di apprendista idraulico, alle dipendenze del S., per malattia”;

2. la Corte – per quanto qui ancora interessa – ha ritenuto “legittimato passivo”, rispetto all’azione proposta dal lavoratore, “il datore di lavoro sussistendo il suo inderogabile obbligo di anticipare l’indennità di malattia al dipendente al momento della corresponsione della retribuzione”; ha inoltre ritenuto indimostrato il pagamento;

3. per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso Cosimo S. con 3 motivi;

non ha svolto attività difensiva l’intimato.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. con il primo motivo di ricorso si denuncia “violazione e/o falsa applicazione del D.L. n. 663 del 1979, art. 1, conv. con modif. nella L. n. 33 del 1980 e dell’art. 2110 c.c.”, assumendo che la Corte pugliese avrebbe ritenuto erroneamente legittimato passivo per la domanda di pagamento dell’indennità di malattia il datore di lavoro e non piuttosto l’INPS;

con il secondo mezzo si deduce, nel caso la Corte adita non ritenesse sussistente “il denunziato vizio di carenza di legittimazione passiva”, la nullità della sentenza per violazione dell’art. 102 c.p.c., eccependo la violazione del principio del contraddittorio per la mancata partecipazione al giudizio del litisconsorte necessario INPS;

il terzo motivo denuncia violazione e falsa applicazione della L. n. 4 del 1953, art. 2, e dell’art. 2697 c.c., deducendo che, in presenza di buste paga sottoscritte per “quietanza” è il lavoratore tenuto a provare la non veridicità di tale risultanza documentale;

2. il primo motivo è fondato;

questa Corte, nel caso di prestazioni previdenziali in cui il datore di lavoro è chiamato ad anticipare gli importi al lavoratore nella veste di adiectus solutionis ha ritenuto la dell’INPS, quale lato passivo del rapporto obbligatorio;

si è così affermato che l’indennità di maternità, dovuta dall’INPS ai sensi del D.L. n. 663 del 1979, art. 1, convertito in L. n. 33 del 1980, viene corrisposta all’avente diritto a cura del datore di lavoro in funzione di adiectus solutionis causa; ne consegue che “nella controversia promossa dalla lavoratrice per ottenere il pagamento della suddetta indennità è l’INPS il soggetto legittimato passivo, non rilevando in contrario la circostanza che il datore di lavoro, adducendo di aver corrisposto l’indennità in questione, abbia già effettuato il conguaglio fra la somma ad essa corrispondente ed i contributi dovuti” (Cass. n. 639 del 1997);

analogamente, “unico obbligato all’erogazione degli assegni familiari è l’INPS, mentre il datore di lavoro, quando corrisponde i relativi importi, assume la posizione di semplice adiectus solutionis causa e pertanto solo l’Istituto predetto – e non il datore di lavoro è legittimato passivamente nelle controversie relative al pagamento di tale prestazione previdenziale” (Cass. n. 862 del 1988; Cass. n. 1186 del 1985; Cass. n. 1646 del 1982; Cass. n. 1973 del 1981);

pure in tema di cassa integrazione guadagni, l’INPS è parte del rapporto previdenziale che si instaura per effetto del provvedimento di concessione dell’integrazione salariale, ancorché, nella ipotesi normale, il datore di lavoro sia tenuto ad anticipare la prestazione ai dipendenti, ottenendo dall’Inps il rimborso delle somme versate per conto dello stesso in qualità di adiectus solutionis causa, con la conseguenza che “l’Inps è legittimato passivamente nel giudizio promosso per il pagamento della prestazione previdenziale” (Cass. n. 2760 del 2003);

e’ incontroverso che anche l’indennità di malattia è dovuta dall’INPS e viene corrisposta all’avente diritto a cura del datore di lavoro in funzione di adiectus solutionis causa (Cass. n. 11296 del 2000), tanto che, qualora l’indennità di malattia, anticipata dal datore di lavoro, risulti non dovuta, l’unico soggetto legittimato al recupero della prestazione indebitamente erogata è l’INPS, e non il datore di lavoro a cui non spetta alcuna valutazione in ordine ai presupposti condizionanti le spettanze dell’indennità (Cass. n. 4274 del 2017; Cass. n. 19316 del 2021) e solo nel caso di domanda di restituzione del trattamento economico spettante al dipendente per la quota eccedente la corrispondente indennità di malattia, non viene in rilievo il rapporto previdenziale, per cui sussiste la legittimazione del datore di lavoro in quanto solvens e non adiectus solutionis causa (Cass. n. 4274 del 2017);

pertanto, ha errato la Corte territoriale a riformare la pronuncia di primo grado che aveva ritenuto l’INPS obbligato a corrispondere la prestazione in controversia;

3. l’accoglimento del primo motivo determina l’assorbimento del secondo, proposto in via subordinata, e del terzo, successivo in ordine logico-giuridico; deriva che la sentenza impugnata deve essere cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio al giudice indicato in dispositivo che si uniformerà a quanto statuito, provvedendo anche sulle spese.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di assorbiti gli altri, cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia alla Corte di Appello di Lecce – sez. dist. di Taranto, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 17 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 1 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA