Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30740 del 30/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 28/11/2018, (ud. 10/10/2018, dep. 28/11/2018), n.30740

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Presidente –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9402-2017 proposto da:

F.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DELLA

VILLA DI LUCINA 38, presso lo studio dell’avvocato ROBERTA ORSINI,

rappresentata e difesa dall’avvocato MARCELLINA DE PASQUALE;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli CLEMENTINA

PULLI, EMANUELA CAPANNOLO, MANUELA MASSA;

– resistente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di NAPOLI, depositata il 05/10/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/10/2018 dal Presidente Relatore Dott. LUCIA

ESPOSITO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

Il Tribunale di Napoli omologava su richiesta di F.C., come da CTU, l’accertamento tecnico preventivo ai sensi dell’art. 445 bis c.p.c., concernente l’accertamento dei requisiti sanitari ai fini del riconoscimento dell’assegno di invalidità civile ex L. n. 118 del 1971, compensando per metà le spese del procedimento e condannando l’Inps alla rifusione della restante metà delle spese in favore di parte ricorrente;

avverso il provvedimento propone ricorso per cassazione la F. con unico motivo, illustrato con memoria;

l’INPS non ha svolto attività difensiva, limitandosi a produrre procura in calce al ricorso notificato;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata notificata alla parte costituita, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Con unico motivo la ricorrente deduce violazione dell’art. 360 c.p.c., commi 1 e 3, in relazione agli artt. 91 e 92 c.p.c. e art. 445 bis c.p.c., comma 5. Osserva che il giudice aveva applicato erroneamente la regola della compensazione delle spese in ipotesi in cui la parte era risultata completamente vittoriosa, essendo stato omologato l’accertamento della percentuale d’invalidità nella misura dell’83% con decorrenza dalla domanda amministrativa;

va preliminarmente rilevato che il ricorso è ammissibile sulla scorta di quanto già affermato dalla giurisprudenza di questa Corte Suprema in fattispecie analoga (cfr. Cass. n. 6084/14, Cass. n. 6149 del 9/3/2017), perchè il decreto di omologa, nella statuizione relativa alle spese, costituisce un provvedimento definitivo, di carattere decisorio, che incide indubbiamente sui diritti patrimoniali e che non è soggetto ad impugnazione in altre sedi;

il motivo è, altresì, fondato, poichè dalle allegazioni di parte ricorrente si evince che è stata accertata la sussistenza dei presupposti sanitari per il riconoscimento dell’unica prestazione richiesta, talchè la regola della compensazione delle spese è stata applicata al di fuori della reciproca soccombenza citata in sentenza, ravvisandosi la suddetta nozione “nelle ipotesi in cui vi è una pluralità di domande contrapposte, accolte o rigettate e che siano state cumulate nel medesimo processo fra le stesse parti, ovvero venga accolta parzialmente l’unica domanda proposta, sia essa articolata in un unico capo o in più capi, dei quali siano stati accolti uno o alcuni e rigettati gli altri” (Cass. n. 20888 del 22/08/2018). Una simile ipotesi non ricorre nel caso in esame, con la conseguenza che si configura un vizio di violazione di legge denunciabile in sede di legittimità (Cass. 11222 del 31/5/2016);

la sentenza impugnata, pertanto, deve essere cassata in relazione alla statuizione sulle spese e, non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, decisa nel merito, ponendo interamente a carico dell’Inps le spese del procedimento, comprensive di quelle di c.t.u., liquidate come da decreto, e regolando secondo soccombenza le spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo, da distrarre in favore del difensore di parte ricorrente in virtù della dichiarata anticipazione.

PQM

accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato nella parte relativa alla liquidazione delle spese e, decidendo nel merito, pone le spese del procedimento di merito, liquidate come da decreto e comprensive di quelle di C.T.U., per intero a carico dell’Inps.

Condanna l’INPS al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 800,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge, con distrazione in favore del difensore della ricorrente.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 28 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA