Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30723 del 30/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 30/12/2011, (ud. 18/10/2011, dep. 30/12/2011), n.30723

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

COMUNE di SPINAZZOLA, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in Roma, viale di Villa Massimo n.

57, presso l’avv. BARILE Giuseppe, che lo rappresenta e difende

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI BARI, in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in Roma, viale Umberto Tupini n. 133, presso l’avv. De

Zordo Agostino, che lo rappresenta e difende unitamente all’avv. Vito

A. Martielli giusta delega in atti;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Puglia n. 83/03/07, depositata il 23 ottobre 2007.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18

ottobre 2011 dal Relatore Cons. Biagio Virgilio;

udito l’avv. Roberto Bragaglia (per delega) per il controricorrente e

ricorrente incidentale;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

DEL CORE Sergio, il quale ha concluso per l’estinzione del giudizio

relativo al ricorso principale per rinuncia e per l’inammissibilità

del ricorso incidentale.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Il Comune di Spinazzola ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Puglia indicata in epigrafe, con la quale, in accoglimento dell’appello dell’Istituto autonomo per le case popolari della Provincia di Bari, è stata affermata l’illegittimità della cartella di pagamento emessa nei confronti dell’Istituto per ICI relativa all’anno 2001.

L’I.A.C.P. ha resistito con controricorso e proposto altresì ricorso incidentale.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. I ricorsi vanno preliminarmente riuniti ai sensi dell’art. 335 cod. proc. civ..

2. Il Comune ricorrente principale ha depositato atto di rinuncia al ricorso, sottoscritto anche dall’avvocato, sul quale hanno apposto il visto gli avvocati dell’Istituto controricorrente e ricorrente incidentale, aderendo alla rinuncia.

Pertanto, ai sensi degli artt. 390 e 391 cod. proc. civ., il giudizio relativo al ricorso principale va dichiarato estinto, senza che occorra provvedere sulle spese.

3. Il ricorso incidentale, per il quale non risulta proposta rinuncia, deve essere dichiarato inammissibile per carenza di interesse, poichè con esso la parte, vittoriosa in appello, si limita a sollevare questioni sulle quali il giudice d’appello non si è pronunciato, avendole ritenute assorbite (per tutte, Cass. Sez. un., n. 14382 del 2002).

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi.

Dichiara estinto il giudizio relativo al ricorso principale e inammissibile il ricorso incidentale.

Così deciso in Roma, il 18 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA