Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30698 del 30/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 30/12/2011, (ud. 18/10/2011, dep. 30/12/2011), n.30698

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. BERNARDI Sergio – rel. Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI CASALSERUGO (PD) in persona del Sindaco legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA PIAZZA

DI PRISCILLA 4, presso lo studio dell’avvocato COEN STEFANO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato DRUDA DAVIDE, giusta

delega a margine;

– ricorrente –

contro

SORELLE ROSSATO SRL in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA TARO 35, presso lo studio

dell’avvocato MAZZONI CLAUDIO, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato RONDELLO GIANFRANCO, giusta delega in calce;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 39/2006 della COMM. TRIB. REG. di VENEZIA,

depositata il 26/10/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/10/2011 dal Consigliere Dott. SERGIO BERNARDI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL

CORE SERGIO che ha concluso per l’estinzione del ricorso per

rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Nell’imminenza dell’udienza di discussione della causa parte ricorrente ha depositato rinuncia agli atti del giudizio, controfirmata per accettazione dalla controparte.

E’ dunque cessata la materia del contendere e va dichiarato estinto il giudizio.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 18 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA