Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30691 del 25/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 25/11/2019, (ud. 05/11/2019, dep. 25/11/2019), n.30691

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso proposto da:

D.P., rappr. e dif. dall’avv. Iasiello Paolo, elett. dom.

presso lo studio dell’avv. Agostinelli Flaminia, in Roma, via

Donatello, n. 23, come da procura in calce all’atto;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) s.r.l., in persona del curatore fallim. p.t.;

– intimato –

per la cassazione del decreto Trib. Genova 12.1.2017, n. 104/2017,

R.G. 6131/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

giorno 5 novembre 2019 dal Consigliere relatore Dott. Ferro Massimo;

il Collegio autorizza la redazione del provvedimento in forma

semplificata, giusta decreto 14 settembre 2016, n. 136/2016 del

Primo Presidente.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Rilevato che:

1. D.P. impugna il decreto Trib. Genova 12.1.2017, n. 104/2017, R.G. 6131/2016, che, rigettando l’opposizione allo stato passivo del FALLIMENTO (OMISSIS) s.r.l., ha ritenuto inammissibile la richiesta di ammettere al passivo le somme dovute quali ritenute fiscali, e in realtà non versate dalla società datrice di lavoro, sul T.F.R. e le retribuzioni;

2. per il tribunale, rilevata l’assenza di novità del credito insinuato ex art. 101 L. Fall. rispetto alle pregresse proprie insinuazioni tempestive, accolte dal giudice delegato e relative al mancato pagamento del T.F.R. e di retribuzioni (richiesti ‘al nettò), non sussisteva una diversa causa petendi fra i citati crediti; le ritenute fiscali sugli emolumenti costituivano invero solo una porzione delle spettanze dovute, trattenute dal datore di lavoro e che questi avrebbe dovuto versare all’Erario;

3. con il ricorso, in unico complesso motivo, si contesta la violazione degli artt. 97 e 101 L. Fall., in relazione all’art. 2909 c.c., posto che la diversità di causa petendi – in tema di distinte pretese lavoristiche – non è esclusa dal fondarsi sul medesimo rapporto di lavoro in sè inteso, bensì dal poggiare su fatti e requisiti giuridici sovrapposti; la ritenuta d’acconto, invece, è credito dovuto per l’inadempienza tributaria del datore di lavoro verso il Fisco e la sua deducibilità potenzialmente separata rispetto all’insinuazione tempestiva del credito di lavoro completa la tutela costituzionale della retribuzione.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Considerato che:

1.parte ricorrente ha depositato atto di rinuncia agli atti del giudizio;

2.va dunque dichiarata l’estinzione del giudizio ai sensi dell’art. 391 c.p.c. e non v’è luogo a provvedere sulle spese di lite;

3.non sussistono, inoltre, i presupposti per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, in tema di contributo unificato per i gradi o i giudizi di impugnazione (Cass. 25485/2018, 19071/2018, 23175/2015, 19560/2015 e Cass. 25722/2019).

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della insussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso giusta dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 5 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA