Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30662 del 27/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 27/11/2018, (ud. 13/09/2018, dep. 27/11/2018), n.30662

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20170-2017 proposto da:

G.M. SNC DI M.A. & C., in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA LUCREZIO CARO 62, presso lo studio dell’avvocato SABINA

CICCOTTI, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

ATTILIO CHESO;

– ricorrente –

contro

B.D., B.S., elettivamente domiciliate in

PADOVA, VIA N. TOMMASEO N. 15, 4 presso lo studio dell’avvocato

SILVIO BARBIERIO che le rappresenta e difende;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1942/2016 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 24/08/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 13/09/2018 dal Consigliere Relatore Dott. VINCENZO

CORRENTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

G.M. snc di M.A. e C. e M.A. propongono ricorso per cassazione, illustrato da memoria, contro B.S. e D., che resistono con controricorso, avverso la sentenza della Corte di appello di Venezia 19.7.2016 che ha rigettato I’ appello alla sentenza del Tribunale di Basano del Grappa che aveva condannato i ricorrenti a ripristinare solai e vespaio del fabbricato in (OMISSIS) sulla base della ctu, trattandosi di comunione tra condomini.

Il ricorso denunzia 1) violazione degli artt. 112 e 180 c.p.c.; 2) violazione degli artt. 1117,840,1102,1120 c.c. in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, per essere il vespaio manufatto ben distinto dalle fondazioni.

Il ricorso, pur ammissibile dovendosi rigettare l’eccezione dei controricorrenti, è infondato reiterando sostanzialmente i motivi di appello sui quali è stata data congrua risposta sia in ordine al contenuto della domanda che alla sua fondatezza per cui si chiede un sostanziale riesame del merito.

In particolare, sul primo motivo si trascura che l’interpretazione della domanda spetta al Giudice e la censura si limita a riportare massime pacifiche e difetta di specificità nella individuazione delle difese in primo grado ed in appello.

Il secondo motivo, sotto la apparente denunzia di violazione di legge, si traduce in una doglianza promiscua in violazione del sostanziale accertamento in fatto compiuto dai Giudici di merito, e trascura essere principio consolidato che il vespaio è bene comune Cass. N. 18216/2017).

Donde il rigetto del ricorso e la condanna alle spese.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti alle spese liquidate in Euro 3200, di cui 200 per spese vive, oltre spese forfettarie nel 15% dando atto dell’esistenza dei presupposti ex D.P.R. 15 del 2002, per il versamento dell’ulteriore contributo unificato.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione Civile della Corte suprema di Cassazione, il 13 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 27 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA