Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30643 del 27/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 27/11/2018, (ud. 05/06/2018, dep. 27/11/2018), n.30643

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ORICCHIO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 24925-2017 R.G. proposto da:

S.N., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CRESCENZIO

n. 20, presso lo studio dell’avvocato ANDREA BELARDINELLI, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, AGENZIA DELLE ENTRATE RISCOSSIONE, UFFICIO

RECUPERI CREDITI PENALI;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di

ROMA, depositata il 20/09/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/06/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO ORICCHIO;

lette le conclusioni scritte dal Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale PATRONE IGNAZIO che ha chiesto alla

Corte di dichiarare l’infondatezza dell’istanza.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

S.N. ha proposto istanza per regolamento necessario di competenza chiedendo l’annullamento dell’ordinanza n. 59496/2016 emessa dal Tribunale di Roma.

Con tale provvedimento veniva dichiarata dal Tribunale capitolino la propria incompetenza per valore e materia in favore del Giudice di Pace territorialmente competente, presso il quale la causa doveva essere riassunta nei termini di legge.

La detta declaratoria di incompetenza veniva svolta all’esito del giudizio di opposizione alla comunicazione preventiva di iscrizione ipotecaria, di cui in atti, notificata da Equitalia Servizi di Riscossione S.p.a., giudizio intrapreso dall’odierno ricorrente a mezzo di atto di opposizione ex art. 615 c.p.c., comma 1, resistito dall’intimato Ministero della Giustizia, che – nel costituirsi – aveva, in via preliminare, invocato l’incompetenza del Tribunale in favore di quella del Giudice di Pace.

Il P.G. ha rassegnati le proprie conclusioni chiedendo, come in atti, a questa Corte di “dichiarare l’infondatezza dell’istanza” proposta.

Nessuna delle parti intimate, di cui in epigrafe, risulta essersi costituita.

Parte istante, all’esito delle svolte conclusione del P.G., ha depositato memoria.

Diritto

RILEVATO IN DIRITTO

1.- Parte istante, dopo aver fatto ricorso all’allegazione, nella propria proposta istanza, di fotocopie dell’anzidetto atto di citazione in opposizione ex art. 615 c.p.c. e del succitato provvedimento dato dal Tribunale, ha addotto – al fine del richiesto accertamento della competenza del Tribunale di Roma – due serie di argomentazioni inerenti la qualificazione della domanda e la possibile applicazione del principio del cumulo delle domande.

Le argomentazione della parte istante non possono trovare accoglimento.

Con l'”atto di citazione in opposizione”, già rubricato dal medesimo istante quale “opposizione ex art. 615 c.p.c.” veniva – testualmente, a pag. 3 – richiesta la declaratoria, “previo accertamento dell’inesistenza del titolo esecutivo per intervenuta prescrizione del credito, dell’inesistenza, illegittimità, nullità e/o comunque l’inefficacia dell’inizianda azione esecutiva e per l’effetto revocarla”.

Dalle stesse conclusioni della parte odierna istante e dal loro indubbio tenore letterale appare evidente che non è stata mai proposta una opposizione ex art. 617 c.p.c., così conseguentemente comportando la fondatezza della declaratoria di incompetenza del Tribunale e l’infondatezza dell’istanza qui scrutinata e delle suddette argomentazioni.

Peraltro la mera affermazione che “mai (era) arrivata nelle mani dell’odierno ricorrente la cartella Equitalia non può condurre ad una diversa qualificazione dell’opposizione a suo tempo proposta, attesa la prevalenza delle conclusioni con essa rassegnate e la qualificazione data all’interposta opposizione stessa dal Tribunale col proprio provvedimento ed attraverso propria congrua qualificazione dell’opposizione “in ragione dell’intervenuto oggetto di lite” e del valore (Euro 1.207,06) della controversia rientrante ex artt. 7,17 e 28 c.p.c. nella competenza del Giudice di pace.

2.- Alla stregua di quanto innanzi esposto, affermato e ritenuto la proposta istanza di regolamento deve ritenersi infondata e va, pertanto, rigettato con consequenziale pronuncia in ordine alla competenza.

3.- Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, stesso art. 13, comma 1 bis.

P.Q.M.

La Corte rigetta l’istanza di regolamento e dichiara la competenza del Giudice di Pace di Roma.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dell’istante-ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di. contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione Civile – 2 della Corte Suprema di Cassazione, il 5 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 27 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA