Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30638 del 30/12/2011

Cassazione civile sez. I, 30/12/2011, (ud. 07/12/2011, dep. 30/12/2011), n.30638

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – rel. Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul regolamento di competenza d’ufficio, proposto dal Tribunale di

Palermo,con ordinanza depositata il 14.3.08, nel procedimento n. R.G.

256/07 pendente fra:

NEXT SRL;

COVIBA SRL IN LIQUIDAZIONE;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/12/2011 dal Presidente Relatore Dott. GIUSEPPE SALME’;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. UMBERTO

APICE.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che il tribunale di Palermo, con ordinanza del 14 marzo 2008 ha richiesto regolamento di competenza d’ufficio in relazione al procedimento di fallimento della CO.VI.BA. s.r.l., avendo il tribunale di Temini Imerese dichiarato, con sentenza del 16 agosto 2007, la propria incompetenza a dichiarare il fallimento di detta società, in quanto pur essendo la sede legale collocata nel circondario di Termini Imerese la società stessa era stata posta in liquidazione e la liquidazione si svolgeva a (OMISSIS), luogo di residenza del liquidatore; che in realtà l’attività liquidatoria non aveva mai potuto avere luogo avendo il liquidatore rimesso l’incarico, anche se era stato impossibile convocare l’assemblea che doveva prendere atto di tale rinuncia.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che la competenza a dichiarare il fallimento è del tribunale di Termini Imerese perchè non è stata posta in essere alcuna effettiva attività che consenta di ritenere spostata la sede legale.

P.Q.M.

Cassa la sentenza del tribunale di Termini Imerese in data 16 agosto 2007 e dichiara la competenza dello stesso tribunale.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sesta sezione civile, il 7 dicembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA