Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30624 del 25/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 25/11/2019, (ud. 10/09/2019, dep. 25/11/2019), n.30624

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1923-2019 proposto da:

F.Y., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

MASSIMO RIZZATO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS) COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL

RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI VICENZA;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di VENEZIA, depositato il

05/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/09/2019 dal Consigliere Relator Dott. DOLMETTA

ALDO ANGELO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1.- F.Y., cittadino della Guinea, ha proposto ricorso avanti al Tribunale di Venezia avverso il provvedimento della Commissione territoriale di Vicenza, di diniego di riconoscimento della protezione internazionale (status di rifugiato; protezione sussidiaria), come pure di quello di riconoscimento della protezione umanitaria.

Con decreto depositato in data 5 dicembre 2018, il Tribunale lagunare ha rigettato il ricorso.

2.- Per quanto qui ancora in interesse, il Tribunale ha in particolare osservato – con riferimento alla richiesta di protezione sussidiaria – che “la valutazione della Commissione sulla scarsa credibilità della vicenda narrata da ricorrente è condivisibile”: “già in sede di colloquio avanti alla Commissione F.Y. non è riuscito a fornire alcuna dichiarazione specifica in relazione alle circostanze che avrebbero portato alla morte dei genitori per motivi religiosi; e ha fornito dati contraddittori sotto il profilo temporale”. “Soprattutto, ha espressamente affermato di non temere alcunchè dall’eventuale rientro nel Paese di origine”.

Basandosi su una serie di report (HRW 2017; MRGI 2018; Viaggiare Sicuri), il Tribunale ha altresì rilevato che nel tempo attuale la Guinea non presenta situazione riconducili ai presupposti fissati nel D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c.).

3.- Avverso questo provvedimento ricorre F.Y., promuovendo un motivo di cassazione.

Il Ministero non ha svolto difese nel presente grado di giudizio.

4.- Il motivo di ricorso denunzia “violazione delle norme di diritto: D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 2, lett. a), artt. 7 e 14”.

5.- Il ricorso dev’essere dichiarato inammissibile, posto che il motivo si limita ad allegare, in termini del tutto generici quanto assiomatici, che la “vicenda narrata dal ricorrente è risultata credibile e ben circostanziata e il fatto che egli non abbia documenti probatori a supportarla non può essere motivo di rigetto”.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, secondo quanto stabilito dalla norma dell’art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Prima Sezione civile, il 10 settembre 2019.

Depositato in cancelleria il 25 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA