Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30457 del 19/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 30457 Anno 2017
Presidente: SCALDAFERRI ANDREA
Relatore: LAMORGESE ANTONIO PIETRO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 21028-2016 proposto da:
FERRANDINO ANTONIO, elettivamente domiciliato in ROMA,
P.ZA S. GIOVANNI IN LATERANO 18-B, presso lo studio
dell’avvocato ENNIO CALBI, che – lo rappresenta e difende
unitamente all’avvocato ANTONIA DONATA IERIN0′;
– ricorrente contro

SOCIETÀ DUCA DEGLI ABRUZZI SOCCOOPARL IN
LIQUIDAZIONE, in persona del Liquidatore, elettivamente
domiciliata in ROMA, VIA LUIGI BOCCHERINI 3 -SC 2, presso lo
studio dell’avvocato FEDERICO DE ANGELIS, raPpresentato e
difeso dall’avvocato IVAR GALIOTO;
– controricorrente-

avverso la sentenza n. 4158/2015 della CORTE D’APPELLO di
ROMA, depositata il 10/07/2015;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio
non partecipata del 28/11/2017 dal Consigliere Relatore Dott.
ANTONIO PIETRO LAMORGESE.

Data pubblicazione: 19/12/2017

Premesso che la Corte d’appello di Roma, con sentenza del
10 luglio 2015, tra rigettato il gravame di Ferrandino Antonio
avverso la sentenza impugnata che aveva rigettato la sua
impugnazione della delibera di esclusione dalla società Duca
degli Abruzzi e chiesto, in subordine, la restituzione delle

che il Ferrandino ha proposto ricorso per cassazione, affidato
a due motivi, cui la Duca degli Abruzzi in liquidazione ha
resistito con controricorso con il quale ha eccepito
l’inammissibilità del ricorso, in quanto notificato alla Duca degli
Abruzzi in data 8 settembre 2016, cioè quando la cooperativa
era stata già cancellata dal registro delle imprese, in data 21
dicembre 2015.
Ritenuto che, in ragione della predetta eccezione, non
sussistono le condizioni per decidere il ricorso in camera di
consiglio.
P.Q.M.
La Corte rimette la causa alla pubblica udienza.
Roma, 28 novembre 2017.

Il Pre idente

somme versate alla cooperativa;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA