Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30396 del 21/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 21/11/2019, (ud. 24/09/2019, dep. 21/11/2019), n.30396

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8774-2018 proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

FRANCESCO BONATESTA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1975/2017 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 04/09/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 24/09/2019 dal Presidente Relatore Dott. FRANCESCO

ANTONIO GENOVESE.

Fatto

FATTI DI CAUSA e RAGIONI DELLA DECISIONE

La Corte d’appello di Bologna ha confermato la decisione positiva adottata dal Tribunale di quella stessa città che aveva ha respinto il ricorso proposto dal sig. C.D., cittadino del Mali, avverso il provvedimento negativo del Ministero dell’Interno – Commissione territoriale di Bologna, che aveva respinto sia le richieste di protezione internazionale che il permesso di soggiorno per motivi umanitari, invocati sulla base di una vicenda personale secondo la quale, lavorando come fabbro ed avendo cagionato l’accecamento colposo del proprio datore di lavoro, era stato da quest’ultimo, persona assai influente, accusato e fatto perseguire dalle forze di polizia, ed anche esercitato pressione sul proprio genitore, sicchè sarebbe stato costretto ad abbandonare i luoghi di origine.

Secondo il giudice del gravame, il resoconto era ampiamente lacunoso, contraddittorio e non credibile, sotto una pluralità di profili, e perciò andavano respinte tutte le richieste di protezione (inclusa quella umanitaria), atteso che non era fondata l’ipotesi persecutoria in un Paese ove erano in corso positivi cambiamenti (sulla base dei reports aggiornati) e in difetto di una specifica allegazione (ai fini della tutela umanitaria) della propria fragilità.

Avverso tale provvedimento ricorre il sig. A.A. con due mezzi, con i quali lamenta plurime violazioni di legge: a) il D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 2, comma 2 e art. 14, lett. b) e c); b) il TU di cui al D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6.

Il Ministero non ha svolto difese.

Il Collegio condivide la proposta di definizione della controversia notificata alle parti costituite nel presente procedimento, alla quale non sono state mosse osservazioni critiche.

Il ricorso, infatti, deve essere dichiarato inammissibile.

Le sue doglianze, infatti, costituite dalla sostanziale richiesta di una diversa valutazione della credibilità del resoconto del richiedente asilo e della situazione del Mali, sia pure sotto le apparenze delle censure di violazione di legge, tendono ad una inammissibile richiesta di riesame delle risultanze e alla rivalutazione degli elementi emersi nel corso della fase di merito (Sez. U, Sentenza n. 8053 del 2014), persistendo il deficit allegatorio con riguardo al presunto stato di vulnerabilità personale.

Alla inammissibilità del ricorso segue solo l’affermazione dei presupposti per il raddoppio del contributo unificato, NON avendo il ricorrente conseguito l’ammissione al PASS, non anche il regolamento delle spese di lite, non avendo la PA intimata svolto sostanziali attività difensive in questa sede.

PQM

La Corte:

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del cit. D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma l bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 6-1^ sezione civile, il 24 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 21 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA