Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30386 del 19/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 3 Num. 30386 Anno 2017
Presidente: SPIRITO ANGELO
Relatore: GRAZIOSI CHIARA

ORDINANZA

sul ricorso 2913-2016 proposto da:
ROMA CAPITALE 02438750586, in persona del Commissario
straordinario pro-tempore, S.E. Prefetto FRANCESCO
PAOLO TRONCA, elettivamente domiciliata in ROMA,
PIAllA ADRIANA 8, presso lo studio dell’avvocato
GIOVANNI FRANCESCO BIASIOTTI MOGLIAZZA, che la
rappresenta e difende unitamente all’avvocato RODOLFO
MURRA giusta procura in calce al ricorso;
– ricorrente contro

GIULIA APPALTI SRL, in persona del suo legale
rappresentante pro-tempore, Sig. AUGUSTO TALONE,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DOMENICO

Data pubblicazione: 19/12/2017

CHELINI 9, presso lo studio dell’avvocato LUISA
FREDIANI che la rappresenta e difende giusta procura
in calce al controricorso;
– controricorrente contro

– intimato –

avverso la sentenza n. 20258/2015 del TRIBUNALE di
ROMA, depositata il 25/01/2016;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 21/11/2017 dal Consigliere Dott. CHIARA
GRAZIOSI;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. ALBERTO CARDINO che ha concluso per
l’estinzione;
udito l’Avvocato DANIELA GAMBARDELLA;

2

ARDUINI RAIMONDO;

2913/2016
Rilevato che Roma Capitale ha proposto ricorso avverso sentenza d’appello del Tribunale di
Roma del 2-9 ottobre 2015, che aveva riformato la sentenza di primo grado tra l’altro
condannando l’attuale ricorrente a rifondere le spese del due gradi di giudizio agli appellati
Raimondo Arduini e Giulia appalti Srl;
rilevato che Roma Capitale ha poi tempestivamente depositato atto di rinuncia, e che l’unica

P.Q.M.

visto l’articolo 390 c.p.c. dichiara l’estinzione del processo per rinuncia. Nulla spese.

controricorrente Giulia Appalti Srl ha aderito;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA