Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3030 del 10/02/2010

Cassazione civile sez. lav., 10/02/2010, (ud. 22/12/2009, dep. 10/02/2010), n.3030

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCIARELLI Guglielmo – Presidente –

Dott. MONACI Stefano – Consigliere –

Dott. DE RENZIS Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. DI NUBILA Vincenzo – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 21916/2007 proposto da:

ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO, S.p.A., in persona

dell’Amministratore Delegato Dott. G.L., legale

rappresentante pro tempore, giusta i poteri conferiti dal Consiglio

di Amministrazione in data 23 luglio 2007, rappresentato e difeso

dall’Avv. TURCO Chiara e con questa domiciliata presso l’Ufficio

della Funzione Affari Legali e Societari in Piazza Verdi n. 10, come

da procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

M.M., B.R., B.S. quali

eredi di B.C.;

– intimate –

nonchè sul ricorso n. 22854/2007 proposto da:

M.M., B.R., B.S. quali

eredi di B.C. elettivamente domiciliate in Roma, Viale

delle Milizie n. 38, presso lo studio dell’Avv. Giovanni Angelozzi,

che le rappresenta e difende per procura a margine del controricorso;

– controricorrenti ricorrenti incidentali –

contro

ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO, S.p.A., in persona

dell’Amministratore Delegato Dott. G.L., legale

rappresentante pro tempore;

– intimato –

per la cassazione della sentenza n. 611/06 della Corte di Appello di

Roma del 24.01.2006/05.09.2006 nella causa iscritta al n. 5651 R.G.

anno 2002.

Udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

22.12.2009 dal Cons. Dott. Alessandro De Renzis;

udito l’Avv. Chiara Turco per l’IPZS e l’Avv. Giovanni Angelozzi per

le controricorrenti;

sentito il P.M., in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. SEPE Ennio

Attilio, che ha concluso, per l’inammissibilità del ricorso

principale, assorbito il ricorso incidentale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 3104 del 19.02.2002 il Tribunale di Roma dichiarava la nullità del ricorso proposto da B.C., ex dipendente dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. – IPZS, volto ad ottenere declaratoria del diritto all’inclusione del compenso per lavoro straordinario nella base di calcolo dell’indennità anzianità e di TFR, nonchè della 13^, 14^ mensilità, e della retribuzione feriale per il periodo 1991/1994.

A seguito di appello principale dell’IPZS ed appello incidentale del B., la Corte di Appello di Roma con sentenza n. 611 del 2006, in riforma della decisione impugnata, ha accolto parzialmente la domanda originaria del B. e per l’effetto ha condannato l’Istituto al pagamento della complessiva somma di Euro 19.648,38 per differenze ricalcolo dello straordinario su IDA e TFR, sulla 13^ e sulla 14^ mensilità, oltre accessori.

L’IPSZ ricorre per cassazione contro la sentenza di appello con cinque motivi.

Le eredi del B. resistono con controricorso, contenente ricorso incidentale, illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. In via preliminare va disposta la riunione dei ricorsi ex art. 335 c.p.c., trattandosi di impugnazioni relative alla medesima sentenza.

2. Le controricorrenti hanno eccepito inammissibilità del ricorso principale per incompletezza dello stesso e per mancata formulazione del quesito di diritto ex art. 366 bis c.p.c..

L’eccezione è fondata e merita di essere accolta.

Invero il ricorso principale manca delle pagine 6, 10, 14, 18, 22 e 24, sicchè non è dato comprendere il significato e la consistenza delle censure mosse all’impugnata sentenza.

La mancanza delle anzidette pagine impedisce poi la verifica della correttezza e congruenza dei quesiti di diritto formulati alla fine di alcuni motivi, con chiara violazione del richiamato art. 366 bis c.p.c..

3. In conclusione il ricorso principale va dichiarato inammissibile, il che comporta l’assorbimento del ricorso incidentale condizionato.

Le spese del giudizio di cassazione vanno compensate, in considerazione del fatto che le questioni in esame hanno interessato un notevole numero di dipendenti dell’IPZS e formato oggetto di un ampio contenzioso, solo di recente sottoposto alla verifica di questa Corte.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi, dichiara inammissibile il ricorso principale, assorbito l’incidentale. Compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 22 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 10 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA