Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30235 del 30/12/2011

Cassazione civile sez. I, 30/12/2011, (ud. 12/12/2011, dep. 30/12/2011), n.30235

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

REWE – ZENTRAL AKTIENGESELLSCHAFT (C.F. (OMISSIS)), in persona

dei legali rappresentanti pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLE QUATTRO FONTANE 15, presso l’avvocato SCAPICCHIO

CLAUDIA, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

FRANCETTI MARCO, giusta procura speciale per Notaio dott. AXEL RODERT

di COLONIA del 21.3.06;

– ricorrente –

contro

PENNY MARKET 2000 S.R.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 5362/2005 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 12/12/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/12/2011 dal Consigliere Dott. ALDO CECCHERINI;

udito l’Avvocato;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni.

Fatto

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

1. Il 15 giugno 2001, la REWE ZENTRAL Aktiengesellschaft con sede in Colonia (Repubblica Federale Tedesca) chiese al Tribunale di Latina di accertare che l’uso dell’espressione “Penny Market 2000” quale denominazione sociale, insegna o marchio da parte della s.r.l. Penny Market 2000 s.r.l., per contraddistinguere una catena di negozi di generi alimentari e prodotti affini, costituiva contraffazione di vari marchi registrati dei quali era titolare, tutti contenenti la parola “Penny”, da sola o in abbinamento alla parola “Market” o ad altre parole o elementi grafici, e relativi anche a prodotti alimentari o affini, e comunque destinati alla grande distribuzione.

La società contenuta eccepì che aveva modificato la sua denominazione sociale da “Penny Market 2000” a “Denny Market 2000”.

Il tribunale respinse la domanda.

2. La Corte d’appello di Roma, con sentenza 12 dicembre 2005, ha confermato le statuizioni di primo grado.

3. Per la cassazione di questa sentenza, che sostiene esserle stata notificata il 27 gennaio 2006, ricorre la REWE ZENTRAL con atto notificato il 28 marzo 2006 al difensore della controparte presso il domicilio eletto in Roma per tre motivi.

4. La società ricorrente, pur affermando nel ricorso che la sentenza impugnata le è stata notificata, ha prodotto delle copie autentiche della sentenza che non comprendono la relazione dell’asserita notifica, e non consentono alla corte di verificare la tempestività del ricorso. In tali fattispecie trova applicazione il principio, enunciato dalle sezioni unite di questa corte, per il quale la previsione – di cui all’art. 369 cod. proc. civ., comma 2, n. 2 – dell’onere di deposito a pena di improcedibilità, entro il termine di cui al primo comma della stessa norma, della copia della decisione impugnata con la relazione di notificazione, ove questa sia avvenuta, è funzionale al riscontro, da parte della Corte di cassazione – a tutela dell’esigenza pubblicistica (e, quindi, non disponibile dalle parti) del rispetto del vincolo della cosa giudicata formale – della tempestività dell’esercizio del diritto di impugnazione, il quale, una volta avvenuta la notificazione della sentenza, è esercitabile soltanto con l’osservanza del cosiddetto termine breve. Nell’ipotesi in cui il ricorrente, espressamente od implicitamente, alleghi che la sentenza impugnata gli è stata notificata, limitandosi a produrre una copia autentica della sentenza impugnata senza la relazione di notificazione, il ricorso per cassazione deve essere dichiarato improcedibile (Cass. Sez. un. 16 aprile 2009 n. 9005).

Il ricorso è pertanto improcedibile. In mancanza di difese svolte dalla parte intimata non v’è luogo a pronuncia sulle spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso improcedibile.

Così deciso a Roma, nella camera di consiglio della prima sezione della Corte suprema di cassazione, il 12 dicembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA