Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30231 del 20/11/2019

Cassazione civile sez. lav., 20/11/2019, (ud. 26/09/2019, dep. 20/11/2019), n.30231

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. BELLE’ Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15072-2014 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati

SEBASTIANO CARUSO, GIUSEPPINA GIANNICO, CHERUBINA CIRIELLO,

FRANCESCA FERRAZZOLI, ELISABETTA LANZETTA;

– ricorrente –

contro

R.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1657/2013 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 03/06/2013 R.G.N. 698/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26/09/2019 dal Consigliere Dott. ROBERTO BELLE’;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CIMMINO ALESSANDRO, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato SEBASTIANO CARUSO.

Fatto

RITENUTO

CHE:

la Corte d’Appello di Lecce, nel rigettare l’appello principale dell’Inps avverso la sentenza del Tribunale della stessa città che aveva riconosciuto il diritto alla retribuzione delle mansioni superiori svolte da R.G., ha accolto l’appello incidentale del lavoratore con cui il medesimo aveva contestato l’accoglimento dell’eccezione di prescrizione entro i cui limiti l’accoglimento della sua pretesa era stato contenuto in primo grado;

la Corte riteneva che l’eccezione predetta fosse stata formulata in modo generico, senza rispetto dell’onere, ritenuto gravare sul convenuto, di tipizzarla secondo le varie ipotesi previste dalla legge;

per la cassazione della sentenza di appello l’INPS ha proposto ricorso prospettando due motivi di ricorso, resistiti con controricorso dal lavoratore.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con l’unico motivo di ricorso l’INPS denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 2697,2934,2946 c.c., nonchè degli artt. 416 e 437 c.p.c. (art. 360 c.p.c., n. 3) per avere la Corte territoriale erroneamente ritenuto che l’eccezione di prescrizione necessitasse di tipizzazione rispetto alla specifica fattispecie estintiva evocata, mentre era sufficiente la deduzione della volontà di profittare dell’inerzia del titolare del diritto in contestazione rispetto all’esercizio dello stesso, insita nella formulazione appunto dell’eccezione di prescrizione;

il motivo, debitamente formulato manifestando il concreto interesse alla pronuncia, desumibile dal fatto che il giudice di prime cure aveva accolto l’eccezione accertando lo svolgimento di mansioni superiori dal 1.11.2001, ma riconoscendo il diritto alle differenze retributive solo dal 13.2.2004, è fondato; costituisce infatti orientamento assolutamente consolidato, a partire da Cass., S.U., 25 luglio 2002, n. 10955, quello per cui “in tema di prescrizione estintiva, elemento costitutivo della relativa eccezione è l’inerzia del titolare del diritto fatto valere in giudizio, mentre la determinazione della durata di questa, necessaria per il verificarsi dell’effetto estintivo, si configura come una “quaestio iuris” concernente l’identificazione del diritto stesso e del regime prescrizionale per esso previsto dalla legge, sicchè la riserva alla parte del potere di sollevare l’eccezione implica che ad essa sia fatto onere soltanto di allegare il menzionato elemento costitutivo e di manifestare la volontà di profittare di quell’effetto, non anche di indicare direttamente o indirettamente (cioè attraverso specifica menzione della durata dell’inerzia) le norme applicabili al caso di specie, l’identificazione delle quali spetta al potere dovere del giudice” (analogamente, poi, tra le molte, v. Cass. 20 gennaio 2014, n. 1064; Cass. 22 ottobre 2010, n. 21752);

poichè d’altra parte la proposizione della questione di prescrizione manifesta in sè la deduzione dell’inerzia del titolare del diritto rispetto alla data del suo sorgere, ne deriva che la pur sintetica formulazione dell’eccezione dispiegata dall’I.N.P.S. in primo grado, con riferimento ad “ogni decadenza e prescrizione” risulta idonea ad imporre la verifica giudiziale della fondatezza di essa;

il ricorso va dunque accolto con rinvio alla medesima Corte d’Appello, in diversa composizione, affinchè valuti l’oggetto del contendere sulla base dei principi di cui sopra.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’Appello di Lecce, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 26 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 20 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA