Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3019 del 10/02/2020

Cassazione civile sez. I, 10/02/2020, (ud. 12/11/2019, dep. 10/02/2020), n.3019

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente –

Dott. FEDERICO Guido – rel. Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. FIDANZIA AndreA – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9271/2016 proposto da:

T.G., (già legale rappresentante pro tempore della Bari

Sport Giochi Scommesse s.r.l.), elettivamente domiciliato in Roma,

Via Vittoria Colonna n. 32, presso lo studio dell’avvocato Raponi

Romina che lo rappresenta e difende, giusta procura con atto di

costituzione;

– ricorrente –

contro

Avv. D.C.M., in proprio, domiciliato in Roma, Piazza

Cavour, presso la Cancelleria Civile della Corte di Cassazione,

rappresentato e difeso da sè medesimo;

– controricorrente –

contro

Avv. I.L., in proprio, domiciliato in Roma, Piazza

Cavour, presso la Cancelleria Civile della Corte di Cassazione,

rappresentato e difeso da se medesimo;

– controricorrente –

contro

Curatela Fallimento Bari Sport Giochi Scommesse Srl;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1372/2015 della CORTE D’APPELLO di BARI, del

04/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/11/2019 dal cons. Dott. FEDERICO GUIDO.

Fatto

IN FATTO E DIRITTO

T.G., già legale rappresentante della (OMISSIS) srl, propone ricorso per cassazione, con nove motivi, avverso la sentenza della Corte d’Appello di Bari che ha rigettato il reclamo proposto dalla società debitrice avverso la sentenza del tribunale di Bari n. 43/2015, pronunciata il 23/6/2015, che ne ha dichiarato il fallimento.

I.L. e D.C.M. hanno resistito con controricorso, mentre la curatela del fallimento (OMISSIS) srl è rimasta intimata.

Successivamente le parti costituite hanno depositato, rispettivamente, rinunzia al ricorso ed accettazione.

Va dunque dichiarata, ai sensi dell’art. 391 c.p.c., l’estinzione del giudizio.

Preso atto dell’accettazione dell’unica resistente costituita, non vi è luogo a provvedere sulle spese di lite.

Non sussistono, inoltre, i presupposti per il raddoppio del contributo unificato, atteso che, secondo il consolidato indirizzo di questa Corte, in materia di impugnazioni, la declaratoria di estinzione del giudizio esclude l’applicabilità del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, relativo all’obbligo della parte impugnante non vittoriosa di versare una somma pari al contributo unificato già versato all’atto della proposizione dell’impugnazione (Cass. 25485 del 2018).

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio.

Così deciso in Roma, il 12 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 10 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA