Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30142 del 15/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 30142 Anno 2017
Presidente: VIRGILIO BIAGIO
Relatore: LA TORRE MARIA ENZA

ORDINANZA
sul ricorso 17473-2012 proposto da:
BELLINI SIRO, elettivamente domiciliato in ROMA VIA
CELIMONTANA 38, presso lo studio dell’avvocato PAOLO
PANARITI, che lo rappresenta e difende unitamente
all’avvocato GRAZIANO DUSI;
– ricorrente contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende;

avverso

controricorrente

la
sentenza
n.
\biuTO
COMM.TRIB.REGt-EZ.DIST.
di VERONA

75/2010

della

depositata il

Data pubblicazione: 15/12/2017

19/04/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del

21/04/2017

dal Consigliere Dott. MARIA

ENZA LA TORRE.

R.G. 17473/12 Bellini Siro c/ Agenzia delle entrate

Ritenuto che:
Con atto notificato il 6 luglio 2012, Sirio Bellini ricorre per la
cassazione della sentenza della C.T.R. del Veneto 75/15/10 dep.
19 aprile 2010, che, su impugnazione di avvisi di accertamento

fini Iva, Irpef, Irap per gli anni dal 2001 al 2004, ha accolto
parzialmente l’appello del contribuente, riconoscendo
l’applicabilità dei benefìci del condono ex art. 9 comma 10 I.
289/2002 per le imposte relative all’anno 2001 diverse dall’Iva,
confermando nel resto il rigetto del ricorso.
L’Agenzia delle entrate si costituisce con controricorso.
Considerato che:
1.

col primo motivo del ricorso si deduce violazione delle

disposizioni sul contraddítorío e omessa e insufficiente
motivazione ex art. 6 d.lgs 218/97;
2.

col secondo motivo si denunzia omessa motivazione e

violazione dell’art. 7 I. 212/2000 e art. 3 I. 241/90;
3.

col terzo motivo si deduce omessa motivazione sulla

infondatezza della pretesa erariale per mancato assolvimento
dell’onere della prova e violazione degli artt. 2697 c.c. e 21
d.P.R. 633/72;
4.

col quarto motivo si deduce omessa motivazione per

l’impossibilità di individuare la ratio decidendi della sentenza,
data la mera adesione alle argomentazioni svolte nella sentenza
di

primo

grado,

ribadendo

nel

merito

l’illegittimità

dell’accertamento.
5. Il ricorso è inammissibile.
Preliminare all’esame dei motivi di ricorso è infatti la verifica
della sua ammissibilità, espressamente contestata dall’Agenzia
R.G. 17473/12 Bellini Siro c/ Agenzia delle entrate

emessi a seguito di processo verbale della Guardia di finanza ai

delle entrate, in relazione alla tempestività della notifica del
ricorso per cassazione.
Da tale verifica risulta che la sentenza impugnata, depositata il
19 aprile 2010, è stata impugnata con ricorso per cassazione
consegnato per la spedizione con raccomandata postale il 6 luglio
2012, e quindi tardivamente.

Le spese seguono la soccombenza e vengono liquidate come in
dispositivo.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al
pagamento delle spese, liquidate in C. 5.500,00 oltre spese
prenotate a debito.

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA