Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30116 del 14/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 1 Num. 30116 Anno 2017
Presidente: DIDONE ANTONIO
Relatore: DOLMETTA ALDO ANGELO
Data pubblicazione: 14/12/2017

C)

~

o

·~

N

~

[/)
[/)

SENTENZA

c;j

sul ricorso 19416/2012 proposto da:

C ·. J ·”‘ ‘C’ -.
·~

Gianfranco

Ferre’

s.p.a.

in

A.S.,

in

persona

dei

commissari

straordinari pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via V.
Veneto n. 7, presso lo studio dell’avvocato Bruno Donato, che la
rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;
-ricorrente contro
Baron & Baron Inc., in persona del legale rappresentante pro
tempore, elettivamente domiciliata in Roma, viale Regina Margherita

‘”O

n. 42, presso lo studio dell’avvocato Lanciano Guido, rappresentata e
difesa

dall’avvocato

Roberto

Ferrario,

giusta

procura

speciale

autenticata dal Notaio Katherine M. Kordaris di New York, munita di
Apostille- n. 972975 dell’8.1.2013;
-resistente –

avverso

il

decreto

del

TRIBUNALE

di

ISERNIA,

depositato

il

21/06/2012;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del
05/07/2017 dal con s. ALDO ANGELO DOLMETTA;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale ANNA
MARIA SOLDI che ha concluso per il rigetto del ricorso;
udito, per la controricorrente, l’avvocato Ferrario che ha chiesto il
rigetto per infondatezza manifesta o inammissibilità.

FATTI DI CAUSA

La s.p.a. Gianfranco Ferré in amministrazione straordinaria ricorre
per cassazione nei confronti della Baron & Baron Inc., svolgendo tre
motivi avverso il decreto reso dal Tribunale di Isernia in data 21
giugno 2012.
Con tale decreto il Tribunale ha parzialmente accolto l’opposizione
formulata dalla Baron & Baron Inc. avverso l’esclusione del proprio
credito chirografario dallo stato passivo della società in A. S., così
come era stata stabilita dal giudice delegato.
Ad

avviso di quest’ultimo,

il detto credito

<

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA