Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30111 del 19/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 19/11/2019, (ud. 11/07/2019, dep. 19/11/2019), n.30111

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 7710 del ruolo generale dell’anno

2018, proposto da:

Z.A. (C.F.: (OMISSIS)) rappresentato e difeso dall’avvocato

Paola Aiello (C.F.: LLA PMR 69H64 C351G);

– ricorrente –

nei confronti di:

G.G. (C.F.: (OMISSIS));

AZ SERVICE S.r.l. (P.I.: (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore;

– intimati –

per la cassazione della sentenza della Corte di appello di Catania n.

1522/2017, pubblicata in data 3 agosto 2017;

udita la relazione sulla causa svolta nella camera di consiglio in

data 11 luglio 2019 dal consigliere Tatangelo Augusto.

Fatto

RILEVATO

che:

G.G. ha agito in giudizio nei confronti di Z.A. e di AZ Service S.r.l. per ottenere il risarcimento dei danni conseguenti all’inadempimento dei convenuti alle obbligazioni previste, in suo favore, in un contratto di locazione da questi ultimi stipulato con altri soggetti.

La domanda è stata rigettata dal Tribunale di Catania.

La Corte di Appello di Catania, in riforma della decisione di primo grado, la ha invece parzialmente accolta, nei soli confronti dello Z..

Ricorre quest’ultimo, sulla base di un unico motivo.

Non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati. E’ stata disposta la trattazione in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375,376 e 380 bis c.p.c., in quanto il relatore ha ritenuto che il ricorso fosse destinato ad essere dichiarato inammissibile e/o manifestamente infondato.

E’ stata quindi fissata con decreto l’adunanza della Corte, e il decreto è stato notificato alle parti con l’indicazione della proposta.

Il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso.

Il collegio ha disposto che sia redatta motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso, in data 9 luglio 2019.

La rinuncia è rituale perchè intervenuta tempestivamente, prima dell’adunanza camerale, in mancanza di conclusioni del pubblico ministero (art. 390 c.p.c., comma 1), e perchè risultano assicurate le prescrizioni dell’art. 390 c.p.c., comma 2, in quanto essa è sottoscritta dalla parte e dal suo difensore.

Il giudizio di cassazione deve quindi essere dichiarato estinto per rinuncia, mentre nulla è a dirsi in ordine alle spese dello stesso, non avendo gli intimati svolto attività difensiva.

PQM

La Corte:

dichiara estinto il giudizio di cassazione per rinunzia;

– nulla per le spese.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 11 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA