Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30098 del 29/12/2011

Cassazione civile sez. I, 29/12/2011, (ud. 20/12/2011, dep. 29/12/2011), n.30098

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FIORETTI Francesco Maria – rel. Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

G.M.F. (C.F. (OMISSIS)), + ALTRI OMESSI

elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA DELLA MELORIA 52, presso l’avvocato IMPROTA GENNARO, che li

rappresenta e difende unitamente agli avvocati VINCENZO IMPROTA,

LUCIA MANCUSI, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

CONSORZIO ITAL.CO.CER.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1009/2008 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 18/11/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/12/2011 dal Presidente Dott. FRANCESCO MARIA FIORETTI;

udito, per i ricorrenti, l’Avvocato IMPROTA GENNARO che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FIMIANI Pasquale che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza 23 settembre-18 novembre 2008 la Corte d’Appello di Salerno dichiarava il Consorzio Ital.co.fer tenuto a corrispondere a favore di G.A., + ALTRI OMESSI la somma di L. 165.361.000, pari ad Euro 85.401,82, a titolo di indennità di espropriazione e ne ordinava il deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, detratto l’importo già versato, oltre agli interessi nella misura legale dalla data del decreto di esproprio sino all’effettivo deposito, sulla differenza tra l’importo della indennità, come determinato in questa sede, e quello depositato presso la Tesoreria Provinciale di Salerno; dichiarava il Consorzio tenuto a corrispondere in favore degli attori la somma di Euro 39.735,46 a titolo di indennità di occupazione e ne ordinava il deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, oltre agli interessi nella misura legale alla scadenza di ciascuna annata sino all’effettivo deposito; rigettava ogni altra domanda degli attori.

Avverso detta sentenza G.M.F., + ALTRI OMESSI hanno proposto ricorso per cassazione sulla base di un unico motivo. L’intimato Consorzio Ital.co.cer. non ha spiegato difese.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso i ricorrenti denunciano violazione di legge (L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, commi 89 e 90 della L. 3 gennaio 1978, n. 1, art. 1 e della L. 22 ottobre 1971, n. 865, art. 25 – del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 32 e succ. modif.; il tutto in riferimento all’art. 360 c.p.c., n. 3). In sub.ne, illegittimità costituzionale della L. n. 244 del 2007, art. 2, commi 89 e 90 e del D.P.R. n. 327 del 2001, art. 32.

Deducono i ricorrenti, in sintesi, che la corte d’Appello avrebbe errato nel valutare i fondi, oggetto di esproprio, come agricoli, quando invece secondo lo strumento urbanistico da prendersi in considerazione avrebbe dovuto valutarli come edificatori. Il ricorso è inammissibile.

La sentenza della Corte d’Appello è stata depositata in epoca in cui era ancora vigente l’art. 366 bis c.p.c., il quale prevedeva che nei casi previsti dall’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 1, 2, 3, e 4, l’illustrazione di ciascun motivo doveva, a pena di inammissibilità, concludersi con la formulazione di un quesito di diritto.

I ricorrenti hanno omesso di formulare a conclusione del motivo di ricorso il quesito di diritto, il che comporta la inammissibilità del ricorso.

Il ricorso, pertanto, deve essere dichiarato inammissibile senza alcuna pronuncia sulle spese, non essendosi controparte difesa in questa fase del giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 20 dicembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA