Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 30043 del 29/12/2011

Cassazione civile sez. I, 29/12/2011, (ud. 23/11/2011, dep. 29/12/2011), n.30043

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio – Presidente –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.A.R., rappresentata e difesa, per procura speciale in

calce al ricorso, dall’avv. RENNA Alessandro ed elett.te dom.ta

presso lo studio dell’avv. Giuseppe Cassia in Roma, Via Publio Elio

n. 13/A;

– ricorrente –

ricorso non notificato ad alcuno;

avverso il decreto emesso dalla Corte d’appello di Potenza nel proc.

n. 78/2008 e depositato il 3 febbraio 2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 23

novembre 2011 dal Consigliere dott. Carlo DE CHIARA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

PATRONE Ignazio Giovanni, che ha concluso per l’inammissibilità del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con il decreto indicato in epigrafe la Corte d’appello di Potenza, dopo avere, con separato decreto, respinto il ricorso per equa riparazione dell’irragionevoole durata di un processo ai sensi della L. 24 marzo 2001, n. 89, art. 2 proposto dalla sig.ra A.R. P., ha altresì revocato, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 136, comma 2, l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato precedentemente disposta dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati in favore della ricorrente. Ha infatti ritenuto che, essendo risultata manifestamente infondata la pretesa dell’attrice, mancasse uno dei requisiti per l’ammissione al beneficio.

La sig.ra P. ha quindi proposto ricorso per cassazione.

In camera di consiglio il Collegio ha deliberato che la motivazione della presente sentenza sia redatta in maniera semplificata, non ponendosi questioni rilevanti sotto il profilo della nomofilachia.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile, non essendo stato notificato alcuno.

Mancando una controparte, non vi è luogo a provvedere sulle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 23 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA