Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29973 del 20/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 20/11/2018, (ud. 14/06/2018, dep. 20/11/2018), n.29973

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8464-2016 proposto da:

Z.M., elettivamente domiciliato in ROMA, CORSO

TRIESTE 149, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO DE ANGELIS,

rappresentato e difeso dall’avvocato EDOARDO MAGLIO;

– ricorrente –

contro

CURATELA DEL FALLIMENTO (OMISSIS) SCARL;

– intimato –

avverso il decreto n. 782/2016 del TRIBUNALE di SPOLETO, depositato

il 27/01/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/06/2018 dal Consigliere Dott. ANDREA SCALDAFERRI.

La Corte:

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che Z.M. ricorre per la cassazione del decreto in epigrafe con cui il Tribunale di Spoleto ha dichiarato inammissibile, perchè tardivo, il reclamo proposto ai sensi dell’art. 26 L. Fall. avverso il provvedimento di liquidazione del compenso per prestazioni professionali reso dal giudice delegato del FALLIMENTO (OMISSIS) s.c.a.r.l.;

che l’intimata curatela non ha svolto difese;

che il ricorrente ha depositato memoria;

considerato che il ricorso lamenta la violazione della L. Fall., art. 26, comma 3, assumendo che il Tribunale avrebbe erroneamente individuato il dies a quo per la proposizione del reclamo, posto che in primo luogo la comunicazione del curatore sarebbe stata fatta con semplice e mail e quindi con un mezzo non previsto dalla legge; in secondo luogo l’indirizzo della comunicazione non sarebbe quello del ricorrente, ma di altra persona; in terzo luogo la comunicazione sarebbe stata fatta dal curatore a titolo puramente informativo, senza alcun crisma di ufficialità;

ritenuto che il ricorso è inammissibile;

che il Tribunale ha motivato la propria decisione rilevando: a)che la stessa difesa dell’odierno ricorrente ha riconosciuto che la comunicazione inviata al medesimo – quale soggetto richiedente i provvedimenti di liquidazione-, contenente l’elenco degli importi liquidati e contestati, era stata effettuata in data 13 marzo 2015; b)che l’odierno ricorrente aveva dedotto nel reclamo di “aver preso visione della missiva solo in data 16 marzo 2015”, ma tale deduzione era inidonea a far ritenere decorrente da tale data il termine di 10 giorni previsto per l’impugnazione, atteso che esso doveva decorrere dal precedente momento dell’avvenuta comunicazione;

che a fronte di una siffatta motivazione le odierne censure introducono per la prima volta nel giudizio questioni (idoneità della posta elettronica come strumento di notificazione, riferibilità dell’indirizzo del destinatario della comunicazione

all’odierno ricorrente, idoneità del contenuto della comunicazione a far decorrere il termine per l’impugnazione) che non risultano esser state prospettate in sede di merito, omettendosi in ricorso di indicare se e come tali argomentazioni siano state utilmente introdotte nel giudizio, in presenza peraltro di una motivazione che dà espressamente atto di una difesa basata esclusivamente su una allegazione (effettiva presa di visione successiva a quella della comunicazione) in sè inidonea a condurre a conclusioni diverse da quelle esposte nel provvedimento impugnato;

che non vi è luogo per il regolamento delle spese di giudizio, non avendo l’intimato svolto difese;

P.Q.M.

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso.

Da atto della sussistenza dell’obbligo del ricorrente di versare il doppio contributo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 14 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 20 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA