Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29875 del 30/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 30/12/2020, (ud. 22/07/2020, dep. 30/12/2020), n.29875

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. FANTICINI Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 29083/2013 R.G. proposto da:

COOPERATIVA INTEGRAZIONE SOCIALE a r.l. in persona del suo legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa giusta delega in

atti dall’avv. Angelo Curciullo con studio in Vittoria (RG) via

Ruggero Settimo n. 177 (PEC

angelo.curciullo.avvragusa.legalmail.it), domiciliata in Roma,

presso la Cancelleria della Corte di Cassazione;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato (PEC

ags.rm.mailcert.avvocaturastato.it);

– controricorrente –

e contro

AGENZIA ENTRATE RISCOSSIONI s.p.a. (già RISCOSSIONE SICILIA s.p.a.);

– intimata –

Avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Sicilia sez. staccata di Catania n. 315/34/12 depositata il

01/10/2012 non notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

22/07/2020 dal Consigliere Roberto Succio;

Lette la conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale Giacalone Giovanni che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– con la sentenza di cui sopra il giudice di seconde cure ha accolto l’appello principale dell’Ufficio e in riforma della sentenza della CTP ha quindi dichiarato legittimi gli avvisi di accertamento impugnati, per IVA e altri tributi relativi agli anni 2000 – 2001 – 2002;

– avverso la sentenza di seconde cure propone ricorso per cassazione la COOPERATIVA INTEGRAZIONE SOCIALE a r.l. con atto affidato a quattro motivi; resiste l’Agenzia delle Entrate con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il primo motivo di ricorso censura la gravata sentenza per violazione e falsa applicazione della L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7 (c.d. “statuto dei diritti del contribuente”) nonchè per violazione della L. n. 241 del 1990, artt. 21 septies e 21 octies, in relazione tutti all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere la CTR erroneamente ritenuto valido l’avviso di accertamento, ancorchè notificato alla contribuente prima del termine di giorni 60 dall’esecuzione dell’accesso presso la stessa da parte di personale dell’Amministrazione Finanziaria;

– il motivo è fondato;

– questa Corte ha recentemente statuito (Cass. Sez. 5, Sentenza n. 701 del 15/01/2019; Sez. 5, Sentenza n. 22644 del 11/09/2019) che proprio in tema di diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, la L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7 (cd. Statuto del contribuente), nelle ipotesi di accesso, ispezione o verifica nei locali destinati all’esercizio dell’attività, opera una valutazione “ex ante” in merito alla necessità del rispetto del contraddittorio endo-procedimentale, sanzionando con la nullità l’atto impositivo emesso “ante tempus”, anche nell’ipotesi di tributi “armonizzati”, senza che, pertanto, ai fini della relativa declaratoria debba essere effettuata la prova di “resistenza”, invece necessaria, per i soli tributi “armonizzati”, ove la normativa interna non preveda l’obbligo del contraddittorio con il contribuente nella fase amministrativa (ad es., nel caso di accertamenti cd. a tavolino), ipotesi nelle quali il giudice tributario è tenuto ad effettuare una concreta valutazione “ex post” sul rispetto del contraddittorio;

– alla luce della decisione del primo motivo di ricorso, i restanti motivi sono assorbiti in quanto divenuti irrilevanti ai fini del decidere;

– conseguentemente, la sentenza è cassata;

– osserva peraltro la Corte che risultano necessari nel giudizio di rinvio ulteriori accertamenti in fatto;

– invero, che a fronte di distinti avvisi di accertamento per gli anni 2000, 2001 e 2002, secondo la prospettazione dell’Agenzia delle Entrate sarebbe stato eseguito un primo accesso per gli anni 2001 e 2002 in data 15/07/2005, e un secondo accesso per l’anno 2000 in data 7/11/2005 (pag. 13 del controricorso);

– tal prospettazione, della quale non si trova alcuna conferma in sentenza, è peraltro nella sostanza non sconfessata dalla contribuente, la quale anch’essa fa rimando in ricorso (pag. 6 quarto periodo) ad un PVC del 15/07/2005 che produce in questo giudizio di Legittimità sub. n. 2);

– pertanto, va verificato nel giudizio di merito a quali anni abbiano fatto riferimento il o i PVC in atti, onde valutare la legittimità degli avvisi di accertamento che risulteranno tempestivi in quanto emessi nel rispetto dello spatium deliberandi di 60 giorni dall’accesso.

P.Q.M.

accoglie il primo motivo di ricorso; dichiara assorbiti i restanti; cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese alla Commissione Tributaria Regionale della Sicilia, sez. staccata di Catania, in altra composizione.

Così deciso in Roma, il 22 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA