Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29828 del 30/12/2020

Cassazione civile sez. VI, 30/12/2020, (ud. 03/07/2020, dep. 30/12/2020), n.29828

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COSENTINO Antonello – Presidente –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 31436-2018 proposto da:

G.A.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

PALESTRO n. 95, presso lo studio dell’avvocato FRANCO BRUGNANO, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato GRANDE ARACRI

DOMENICO;

– ricorrente –

contro

REGIONE CALABRIA ed EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE SPA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1054/2018 del TRIBUNALE di CROTONE, depositata

il 27/08/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

03/07/2020 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA;

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con atto di citazione del 27.05.2016 G.A.D. proponeva opposizione, dinanzi al Tribunale di Crotone, avverso la cartella esattoriale a lui notificata in data 18.02.2016, con la quale l’agente della riscossione Equitalia Sud S.p.A. gli aveva intimato il pagamento di Euro 2.664,55. A sostegno della sua pretesa, l’odierno ricorrente deduceva l’omessa notifica dell’ordinanza-ingiunzione presupposta all’atto esecutivo, da ciò derivando l’illegittimità dell’iscrizione a ruolo e della stessa cartella esattoriale.

Si costituivano Equitalia e Regione Calabria, insistendo per il rigetto dell’opposizione.

Con la sentenza oggi impugnata, n. 1054/2018, il Tribunale di Crotone rigettava l’opposizione, condannando l’opponente alle spese.

Propone ricorso per la cassazione di detta decisione G.A.D., affidandosi a due motivi.

La Regione Calabria ed Equitalia Servizi di Riscossione SpA, intimate, non hanno svolto attività difensiva nel presente giudizio di legittimità.

Il ricorrente ha depositato memoria in prossimità dell’adunanza camerale.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Prima di esaminare i motivi proposti dal ricorrente occorre evidenziare che il ricorso in Cassazione è stato notificato alla Agenzia delle Entrate – Riscossione, non costituita nel giudizio di merito, presso il domicilio eletto, in detto giudizio, da Equitalia Servizi di Riscossione Spa.

Le Sezioni Unite di questa Corte, con ordinanza interlocutoria n. 2087 del 2020, hanno affermato che “In tema di giudizio di legittimità, l’ultrattività del mandato in origine conferito al difensore dell’agente della riscossione, nominato e costituito nel giudizio concluso con la sentenza oggetto del ricorso per cassazione, non opera, ai fini della ritualità della notifica del ricorso avverso la sentenza pronunciata nei confronti dell’agente della riscossione originariamente parte in causa, poichè la cessazione di questo e l’automatico subentro del successore sono disposti da una norma di legge, quale il D.L. n. 193 del 2016; pertanto, la notifica del ricorso eseguita al suo successore “ex lege”, cioè l’Agenzia dell’entrate Riscossione, nei confronti di detto originario difensore è invalida ma tale invalidità integra una mera nullità, suscettibile di sanatoria, vuoi per spontanea costituzione dell’agenzia stessa, vuoi a seguito della rinnovazione dell’atto introduttivo del giudizio da ordinarsi – in caso carenza di attività difensiva della parte intimata – ai sensi dell’art. 291 c.p.c. presso la competente avvocatura dello Stato da indentificarsi nell’Avvocatura generale in Roma” (Cass. Sez. U -, Ordinanza interlocutoria n. 2087 del 30/01/2020, Rv. 656705).

Con successiva ordinanza interlocutoria n. 17710 del 2020 la sesta sezione di questa Corte ha ulteriormente rimesso alle Sezioni Unite le seguenti questioni, ritenute di massima e particolare importanza: “a) se, entrata in vigore la riforma del settore di cui al D.L. 22 ottobre 2016, n. 193, conv. con modif. in L. 1 dicembre 2016, n. 225, sia rituale l’instaurazione del contraddittorio per il giudizio di legittimità mediante notifica del ricorso al procuratore o difensore costituito per l’estinta società del gruppo Equitalia nel grado concluso con la sentenza impugnata, anzichè alla neoistituita Agenzia delle Entrate Riscossione: e, in particolare, se debba applicarsi la regola generale, oppure l’eccezione, prevista da Cass. Sez. U. 04/07/2014, n. 15295 (seguita, quanto alla prima, dalla giurisprudenza successiva, tra cui, da ultimo, Cass. ord. 09/10/2018, n. 24845) e, così, se possa considerarsi validamente ultrattivo il mandato conferito al professionista, oppure se debba ritenersi, con l’estinzione di questo o per altra causa, malamente evocata in giudizio una parte non corrispondente a quella giusta, trattandosi di soggetto formalmente e notoriamente estinto;

b) se sia poi legittimo e su quali presupposti ed entro quali termini, viepiù ove ne vada confermata la qualificazione di successione a titolo particolare già data dalla giurisprudenza della sezione tributaria di questa Corte (nonostante la lettera del D.L. n. 193 del 2016, art. 1, comma 3, conv. con modif. in L. 225 del 2016: Cass. ord. 15/06/2018, n. 15869; Cass. ord. 09/11/2018, n. 28741; Cass. ord. 24/01/2019, n. 1992; Cass. ord. 15/04/2019, n. 10547), il dispiegamento di attività difensiva nel giudizio di legittimità ad opera della detta Agenzia – secondo le regole sul patrocinio in giudizio come precisate da Cass. Sez. U. 19/11/2019, n. 30008, che nella specie sono comunque rispettate – mediante notifica di controricorso a seguito della notifica del ricorso alla singola società dante causa, agente della riscossione” (Cass. Sez. 6, Ordinanza interlocutoria n. 17710 del 25/08/2020, non massimata).

Alla luce di quanto precede, il Collegio, appositamente riconvocatosi in data 14.12.2020 nella stessa composizione del 3.7.2020, ritiene opportuno disporre il rinvio del ricorso a nuovo ruolo, in attesa della decisione delle Sezioni Unite sull’ordinanza di remissione n. 17710 del 2020, da ultimo richiamata.

P.Q.M.

La Corte, a seguito di riconvocazione del 14.12.2020, rinvia il ricorso a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile, il 14 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA